Ricerca

» Invia una lettera

Guardia giurata non significa Tex Willer

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

8 aprile 2011

Gentilissimo Direttore,

Vorrei fare alcune precisazioni riguardanti la lettera del al Sig. De Nunzio del 06 c.m.
Tutte le Guardie Giurate, sanno benissimo di non essere pubblici ufficiali ma bensì solo incaricati di pubblico servizio e solo durante lo svolgimento di determinati servizi (aereoporti, scorta valori ecc.).
Le Guardie Giurate devono sottoporsi obbligatoriamente e minimo tre volte l’anno ad esercitazioni di tiro e maneggio delle armi presso poligoni di tiro autorizzati a differenza delle forze di Polizia che quando va bene lo fanno una volta ogni tre anni.
Biasimo sicuramente il comportamento del collega che (se le notizie riportate sono esatte) ha sicuramente esagerato nell’uso dell’arma e ne pagherà le conseguenze ma, come riportato nelle stesse notizie, ha comunque rivolto la sua azione esclusivamente verso i rapinatori senza mettere a rischio la popolazione.
Questo proprio grazie alle esercitazioni di cui sopra che ci differenziamo dalle forze di Polizia come in alcuni episodi di recente cronaca tra i quali (solo per citarne due) quello dell’agente Spaccarotella con l’uccisione del tifoso sull’autostrada o quello recentissimo degli agenti di Polizia Penitenziaria che scesi comodamente a prendersi un caffè all’autogrill, prima con il loro atteggiamento consentivano la fuga del pericoloso detenuto dal cellulare e sucessivamente nel tentativo di catturarlo, trasformavano la cittadina di Sestri Levante in un vero Far West esplodendo decine di proiettili a caso che colpivano auto in transito, ignari passanti ed uno degli stessi agenti.
Sappia il Sig. De Nunzio che in questi casi o in quelli più semplici di abuso ecc. , le Guardie giurate vengono immediatamente private del titolo autorizzativo che se non viene riacquisito entro 6 mesi da diritto all’azienda dove lavorano di licenziarli per giusta causa (e questo avviene sempre) mentre per le forze di Polizia viene mantenuto il posto di lavoro e la relativa retribuzione sino a sentenza passata in giudicato e, solo nei casi più gravi, viene assunto il provvedimento della sospensione (non licenziamento) con il diritto al recupero di tutte le retribuzione nn percepite in caso di assoluzione.
Sappia anche che per noi non scendono in campo luminari e periti a dichiarare che sottilissime maglie di filo di ferro deviano proiettili e che nessuna Questura o comando dei Carabinieri ci fa quadrato intorno difendendoci dai media assetati di scoop o di mostri da sbattere in prima pagina
A fronte di quanto affermato, Le assicuro che le Guardie Giurate si guardano bene dal fare gli "sceriffi" come lei pensa e vuol far credere, quando purtroppo succede, è solo un caso isolato dovuto alla stupidità della persona (e si sa che la madre degli stupidi è sempre incinta) o a causa di forte stress magari determinato da turni di lavoro massacranti (che nessuno controlla)e che magari ti fanno compiere valutazioni sbagliate sullo stato dei fatti facendoti vedere i draghi dove non ci sono.
Ringrazio il Direttore dello spazio concessomi e di un suo eventuale commento.
Alberto Salvini (Genova)

Alberto Salvini (Genova)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.