Ricerca

» Invia una lettera

I bambini di Gaza

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

7 gennaio 2009

Egr. direttore,
mi ha meravigliato il numero di bambini morti a Gaza negli scontri. A parte il fatto che anche uno è troppo, mi ha stupito la percentuale altissima rispetto al numero delle vittime.
Mi ha anche lasciato perplesso la volontà di Hamas di provocare questa guerra e soprattutto quella di farla proseguire.
E’ un fatto che Hamas abbia interrotto la tregua in atto e tirato razzi sulle città israeliane per alcuni giorni prima che i movimenti di truppe rendessero chiare le intenzioni israeliane.
Altro fatto è che Hamas abbia rifiutato quella tregua umanitaria di 48 ore che il mondo richiedeva, ponendo condizioni che Israele non poteva accettare. A prova di ciò si può considerare il fatto che oggi è stata proclamata unilateralmente una interruzione dei bombardamenti per permettere i soccorsi ai civili.
Il motivo per cui Hamas abbia agito, e agisca, così non può essere militare, può solo perdere, deve quindi essere politico. Anche qui i casi possono essere due: politica interna o estera.
Sulla situazione interna non si sa molto, salvo il fatto che Hamas ha molti nemici tra i Palestinesi e potrebbe aver avuto bisogno della guerra per mantenersi al potere.
Quanto alla politica estera, può aver cercato il conflitto sparando in Obama, ma un tale cambio della politica americana mi sembra una pia illusione. Più interessante mi sembra l’ipotesi di una mossa nello scacchiere del Medio Oriente eseguita per conto di terzi. Pare assodato che il movimento sia foraggiato da Iran e Siria, quindi è possibile che il conflitto serva da una parte ad aumentare la pressione su Israele (Siria) e dall’altra a distogliere l’attenzione da altre cose (magari test atomici iraniani).
Tutto ciò porta ad una conseguenza logica ma cinica: non ci sarà vantaggio per la popolazione palestinese di Gaza.
Allora perché tutti questi morti? Perché così tanti bambini?
La risposta fa paura: così deve essere perché i civili sono risorse spendibili senza costi, e i bambini impressionano molto più degli altri l’opinione pubblica.
Mi è sembrato un ragionamento troppo brutale, ma sono andato a rileggere le cronache del “passaggio di potere” fra OLP e Hamas e mi sono reso conto che cinismo e brutalità sono tipici di questa “gente”.

Con i miei migliori saluti

Alberto Gelosia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.