Ricerca

» Invia una lettera

I conti del Del Ponte

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

5 novembre 2012

 Egregio Direttore di VARESE NEWS,

 
dal momento che il suo giornale è sempre stato molto critico sulla vicenda del mantenimento del POLO MATERNO-INFANTILE presso l’Ospedale Filippo DEL PONTE (come risulta da diversi articoli pubblicati in varie occasioni, che inviterei i lettori a leggersi) ora che lo scempio si
sta perpetrando (abbattimento di un edificio di 5 piani, sventramento del parco arboreo secolare di Villa Augusta per maxiparcheggio sotterraneo, in seguito costruzione di nuovo padiglione in luogo di quello abbattuto) gradirei che i Varesini si rendessero conto dell’ ENORMITÀ DELLA SPESA pubblica per tutti questi interventi, che si sarebbero potuti evitare trasferendo detto “Polo Materno-Infantile” presso le strutture dell’OSPEDALE DI CIRCOLO (come exGeriatria, ex S.Maria, vecchia Maternità) lasciate libere dopo la costruzione del nuovo monoblocco.
Oltretutto con indubbio vantaggio per l’operatività del sistema sanitaro e per la fruibilità da parte della cittadinanza (l’Osp. Del Ponte, troppo centrale nella città e senza parcheggi avrebbe potuto essere venduto a privati e/o riconvertito ad altri usi). Così non è stato, non si sono volute ascoltare le voci dissenzienti, libere da interessi di parte, ed ora purtroppo è troppo tardi per far retromarcia.
 
Ma che almeno i Cittadini sappiano come vengono spesi i loro soldi (come pure per l’acquisto da parte del Comune dell’ex Caserma Garibaldi, che non serve a niente, tanto che da anni resta cadente e inutilizzata) e poi non si lamentino delle disfunzioni e dell’aumento dei costi della Sanità, dei servizi pubblici, dell’IMU e quant’altro, che vedranno sicuramente lievitare nell’immediato futuro. E se la prendano con chi ha così bene amministrato la Sanità pubblica e questa Città.
 
Grazie dell’ospitalità
 
Giovanni Dotti

 


 Gentile lettore,

la sua caparbietà è veramente lodevole. Pur pubblicando le sue lettere, rimaniamo perplessi sulla tempestività delle sue esternazioni. Forse sei anni fa avrebbero avuto valore ma oggi si scontrano con decisioni e realtà profondamente diverse. Il nostro giornale ha più volte ricordato che l’avanzamento dei lavori e gli stanziamenti fatti costringono tutti noi a stare con gli occhi ben aperti affinchè quei soldi siano ben spesi e portino effettivamente a ciò per cui sono stanziati. 

Giovanni Dotti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.