Ricerca

» Invia una lettera

I rischi “scellerati” dei mondiali 2008

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

5 aprile 2007

Sig. Direttore ,
nell’anno 2008 la nostra Provincia ospiterà i Mondiali di ciclismo su strada.
La Provincia di Varese si è molto prodigata per organizzare questo importante manifestazione sportiva che porterà sul nostro territorio un beneficio oltre che turistico – economico anche la realizzazione di molte opere pubbliche.
Ogni Comune interessato al percorso si sta prodigando nel richiedere finanziamenti per potere realizzare quegli interventi, a volte fermi da anni, che nel 2008 serviranno per i mondiali, ma successivamente rimarranno in uso alle comunità.
Tutto bene quindi! No.
Non tutto è oro tutto quello che luccica. Questa pioggia di denaro non sempre verrà impiegata bene.
Un esempio:
Il Comune di Bardello si trova sulla strada provinciale n. 18, dove transiterà la gara a cronometro. Questo Comune ha la fortuna di confinare sia con il Lago di Varese che con un’ importante riserva naturale come “il lago di Biandronno”, un’area ambientale “super protetta” dal paesaggio incantevole per il susseguirsi di prati e aree boschive ancora incontaminate.
L’amministrazione Comunale ha però deciso,attraverso una variante di PRG (approvata aimè nel dicembre scorso dalla Regione) di rendere edificabile parte delle zone “cuscinetto” a ridosso della riserva.
Con i soldi destinati a realizzare opere per i mondiali di ciclismo verrà realizzato un bel parcheggio proprio a pochi passi dalla riserva naturale. In sostanza dove oggi possiamo ammirare vaste aree verdi degradanti verso il lago nel 2008 potremo ammirare un bel parcheggio di auto..
Il tutto nonostante l’area è sottoposta a vincolo paesaggistico regionale che però ha dato ugualmente l’assenso.
Che dire, per la Provincia “verde”, non è certo un bel biglietto da visita, non certo un segno di lungimiranza. Il tesoro della nostra Provincia è l’ambiente tutti lo ripetono, tutti ce lo invidiano, tutti affermano di volerlo difendere, ma poi lo distruggiamo.
Ad una mia domanda sul perché di queste scelte un amico geometra mi ha risposto . “amico mio Tu hai ragione ma con l’erba non si mangia e comunque anche le case fanno paesaggio” ….inteso.
Insomma il motore degli interessi è sempre acceso e fa molto bene il proprio mestiere. Quello delle coscienze degli uomini invece funziona a singhiozzo e a volte è proprio fermo .
La presente nella speranza che il pessimo esempio che sta fornendo il Comune di Bardello non sia imitato da altri.

Pietro Parola, Biandronno

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.