Ricerca

» Invia una lettera

I treni nuovi devono esser messi a punto

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

9 gennaio 2009

Egregio Direttore, provo a rispondere, attraverso la sua rubrica, al lettore Matteo Schiavini, il quale in una lettera al Direttore chiedeva perché i nuovi treni sulla linea Varese-Milano si spengono in continuazione.

I treni di vecchia generazione, per farla semplice, sono paragonabili ai trenini in miniatura, c’è un motore, un variatore di tensione, se c’è tensione elettrica, tramite il variatore il motore gira e il treno parte, non è necessario nient’altro.

Oggi i treni, come le automobili, le motoGP, i telefoni cellulari, le macchine fotografiche digitali, i televisori, per le innumerevoli funzioni che devono svolgere, sono equipaggiati di microcontrollori o microprocessori, i quali per governare e attuare tutte le funzioni dell’apparato, devono essere equipaggiati di un programma chiamato in termine tecnico, Firmware o Software.

I microcontrollori sono connessi ad una moltitudine di sensori, di tipologie diverse, che possono essere di temperatura, pressione, flusso, velocità ed altro.

Quindi chi governa e sovrintende i microcontrollori, i sensori, i motori è il programma.

Il programma è una lista di migliaia di istruzioni, studiata da un tecnico programmatore, istruzioni che i microcontrollori devono eseguire cronologicamente dalla prima all’ultima.

Tutto si basa sulla logica, se tutto è stato previsto nel programma, tutto funziona, ma se dovesse succedere una “combinazione di eventi tecnici” NON previsti da chi ha listato il programma, quindi non gestibili, ecco che il sistema ed il microcontrollore si bloccano, (il famoso BUG) quindi l’unica cosa che rimane da fare è lo spegnimento e la ripartenza del programma.

Tutte queste macchine, prima di essere vendute, devono essere provate in tutte le proprie funzioni, in termine tecnico Debuggate, se questa operazione non viene svolta alla perfezione, i malfunzionamenti si ripeteranno sempre, esattamente nella stessa identica condizione.

E’ la stessa situazione che si presenta utilizzando il Personal Computer, quando si blocca per un evento imprevisto e non risponde ai comandi della tastiera e del mouse.

Spero di aver utilizzato termini comprensibili.

Grazie dell’attenzione.

Felice Ferrazza - Gallarate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.