Ricerca

» Invia una lettera

Il comune insegni ai cittadini il rispetto per gli altri

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

8 ottobre 2007

Gentile direttore,
rispondo all’invito del Sig. Di Giandomenico e, dopo aver criticato Arcisate in modo generico, ma che voleva essere in realtà provocatorio, mi presento chiarendo di essere una semplice cittadina residente da oltre 12 anni, un’apolitica mamma imparziale, che ha anche saputo apprezzato l’asilo nido, la materna, l’associazione pallavolo di Arcisate, l’ottimo servizio della medicina di base..Aspetti del nostro territorio che funzionano davvero, ma le critiche le rivolgo soprattutto al nostro comune, dal quale mi aspetterei innanzi tutto un regolamento chiaro, distribuito a tutti i cittadini, in cui richiamerei tutti al rispetto generale di regole di buon comportamento in genere, obbligando tutti al rispetto del decoro delle proprietà private, mantenendo in ordine recinzioni e siepi dei giardini, vietando a chiunque di bruciare impunemente nel proprio giardino chissà cosa visto la puzza e il fumo che spesso si diffondono…o che venga difeso il diritto alle ore di riposo almeno al sabato e alla domenica, quando subisci rumori di vecchi tagliaerba al mattino presto e nel primo pomeriggio… per non parlare di muratori e proprietari più o meno autorizzati che svolgono lavori edili nei finesettimana rovinando le tue rare giornate di riposo…subisco tutto questo da anni visto che da quando risiedo qui tra le lottizzazioni dei Dovesi, diVia Monteverdi e ampliamenti di case esistenti è un cantiere continuo…alcune costruzioni durano da anni…ma le concessioni non dovrebbero scadere dopo tre anni? Chi controlla?…Anche se il peggio ora sembra passato…ma aspettiamo vengano finiti i giardini, le strade i marciapiedi e le illumminazioni…Io vivo in Via Cantello…Perchè dopo tutti gli illusori lavori di ampliamento eseguiti al bivio con Via Dovesi dove inizia la nostra via non si è fatta una rotonda invece che quel muro di contenimento e il solito tocchetto tronco di marciapiede? Si è lasciato quel pericoloso stop quando c’era finalmente lo spazio per fare una rotonda decente? Ma cos’ha Arcisate contro le rotonde? Via Cantello e Via Dovesi sono ormai un circuito da formula uno prive di marciapiedi, prive di rallentatori, prive di cestini per l’immondizia, con le case le cui recinzioni a filo strada fanno si che basta un’auto che deve entrare o uscire e si crea un pericolo a chiunque…Coraggio, facciamo arretrare i cancelli carrai, obblighiamo alle automazioni magari incentivando i proprietari con sconti sulle tasse comunali e obblighiamo chi aumenta la superficie abitabile creando nuovi appartamenti con i recuperi dei sottotetti a creare prima lo spazio anche per i posti auto…come si fa ad autorizzare la creazione di un’unità immobiliare in più e non verificare se questi hanno i parcheggi necessari? Tanto poi vanno a parcheggiare davanti alla casa degli altri…E facciamo anche arretrare il muro del civico 21 contro cui si badi benen non ho nulla di personale nemmeno li conosco ma è il solo modo ormai per ampliare la curva da brivido che in auto ma soprattutto a piedi è un vero incubo…E la popolazione residente qui è triplicata, senza servizi…E la Via Mameli? Inaugurata da due anni con insegna, parcheggio, aiuole, asfalto e marciapiedi nuovi…peccato che il tutto sia transennato e inutilizzabile…Perchè? E l’impalcatura arrugginita con cui è chiuso l’accesso non vi sembra totalmente fuorilegge non rispettando alcun requisito di sicurezza…chiusa da un agglomerato di tubi taglienti, arrugginiti, non segnalati, di notte totalmente invisibile…Pericolosissimo per chi non è della zona…ma dov’è la nostra polizia? E che ci vuole a risolvere una cosa così semplice? E dopo tanto clamore da due anni ormai nessuno ci dice più niente sulla superstrada che, passandoci sopra o a tre metri dai nostri balconi dovrebbe risolvere la viabilità…ormai dopo tutto questo chiasso e terrorismo nessuno qui riesce più a vendere un appartamento…nessuna informazione concreta e chiara..nessun aggiornamento almeno a noi confinanti…Vergogna, e io continuo ad invidare gli indunesi…

Leonarda Maria Cavuoti residente ad Arcisate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.