Ricerca

» Invia una lettera

Il cuore nero e il cervello diabolico della civiltà occidentale

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

22 settembre 2011

Mi sembra opportuno proporre ai lettori di questa rubrica un interessante articolo del Generale Piero Laporta, apparso su “Italiaoggi”, in cui questo alto esponente delle Forze Armate denuncia il completo asservimento del nostro Paese ai “padroni” d’oltreatlantico, citando in ispecie “i Clinton e il petulante Obama”. È un articolo così lucido e coraggioso da meritare di essere conosciuto da tutti coloro che non hanno rinunciato a pensare con la propria testa e a battersi per l’indipendenza e la dignità del nostro Paese.
 
Nel ’93 venne eliminato Barre (desertificando il suo paese). Oggi nel mirino c’è Gheddafi
Le trappole Usa in Somalia e Libia
La sola differenza è che il Cav. non ha fatto la fine di Craxi
di Piero Laporta
 
L’11 settembre 2001 in tanti dichiarammo: «Siamo tutti americani». Oggi la rapina alla Libia cancella ogni residua autorità morale degli Stati Uniti quale leader delle democrazie mondiali.
Il massacro di 50mila libici, le mutilazioni di altrettanti disgraziati, la metà dei quali bambini, le distruzioni di scuole, case e ospedali sono crimini contro l’umanità dei quali Hussein Barack Obama, Nicolas Sarkozy e David Cameron non risponderanno davanti a un tribunale internazionale.
Essi sono tuttavia infamati dal giudizio inappellabile della storia.
Non è questione di complotto ebraico o altre scemate di tal fatta: questo 11 settembre reca la certezza che nella civiltà occidentale dimorano un cuore nero e un cervello diabolico, che se ne fregano di nazioni, religioni e popoli, che manipolano le immagini e le comunicazioni, adulterano le politiche, trogolano col fondamentalismo islamico, ricattano (come noi italiani sappiamo bene) per scatenare una guerra umanitaria per l’interesse finanziario d’una cerchia di gran lunga meno rispettabile dei banditi da strada, i quali almeno rischiano la propria ghirba.
Tutte le ombre, tantissime, rimaste dopo le inchieste del Congresso sull’11 settembre 2001, viste oggi insieme con le forzature, gli inganni, le complicità e le foto taroccate della rapina alla Libia, portano univocamente a concludere che, nell’establishment statunitense, convivono due anime: una idealista, democratica, profondamente legata ai valori fondanti del 1776; l’altra banditesca, stragista, sanguinaria e senza scrupoli.
Sul massacro dell’11 settembre 2001 e sui commoventi eroismi della splendida gente newyorkese e dei suoi pompieri, aleggia uno spettro nero che, grazie alla Libia, ha dovuto svelarsi più di quanto avrebbe desiderato. Noi italiani lo sapevamo più dei newyorkesi e dei libici, sin dal 1993 quando, con l’abbattimento del dittatore somalo Siad Barre, avemmo un’anticipazione delle tecniche umanitarie di queste ore. Non abbiamo imparato nulla. Dov’è la democrazia in Somalia?
Distrutto Bettino Craxi, il migliore alleato di Siad Barre, l’esercito italiano fu inviato a contrastare la primavera somala con un braccio legato e la stampa nazionale filoamericana ostile ai nostri soldati, come ben sa Giuliano Ferrara. Oggi il Somaliland è nel caos ma col petrolio saldamente in mano alle compagnie americane, francesi e inglesi che pagano gli straccioni delle corti islamiche e i pirati del mar Rosso: un pizzo è più conveniente delle royalty che avrebbe preteso il legittimo dittatore Siad Barre.
La Somalia fu assassinata dalla banda Clinton e l’11 settembre 2001 seguì all’inerzia di ben due mandati di Bill Clinton contro al Qaeda. Libia e Somalia muoiono grazie alle tossine Clinton che infettano anche gli Usa e le democrazie. Per ora la differenza è che Silvio Berlusconi non fa la fine di Bettino Craxi, non basta tuttavia per commemorare questo 11 settembre con l’animo di dieci anni fa.
Il popolo americano e i suoi caduti sono una cosa; i Clinton, il petulante Obama, i loro sicari e i loro manutengoli sono tutt’altro.
Italicus

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.