Ricerca

» Invia una lettera

“Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

21 aprile 2011

Caro Direttore,
“oggi è politicamente corretto il dileggio, l’aggressione verbale, la volgarità, la scurrilità”, annota sapientemente il giurista Gustavo Zagrebelsky nel pampleth “Sulla lingua del  tempo presente”, pubblicato recentemente dalla casa editrice Einaudi.
 
Le invettive del Presidente del Consiglio contro gli insegnanti, i magistrati, la Costituzione, le dichiarazioni altisonanti di Bossi contro i “clandestini”, quelle retoricamente “criminali” di Castelli e Speroni sono il compendio di quanto ci viene propinato quotidianamente dal peggior ceto politico di governo dalla Resistenza ad oggi.
 
Un ceto politico che certamente è stato eletto, rispecchiando la mutazione antropologica che ha investito il nostro paese dagli anni ’80 a partire dal craxismo e il disorientamento determinato dall’introiezione da parte dell’ex –sinistra dei dettami del neo-liberismo rispetto alla sua tradizionale base sociale; ma che, nonostante il sistema maggioritario sia intrinsecamente autoritario, trova nel dettato costituzionale un argine incredibilmente potente e resistente a quella dittatura della maggioranza a cui tendenzialmente aspira.
 
Una dittatura della maggioranza che è l’espressione di quella pseudo-cultura aziendalista che ha nel PdL e nella Lega Nord i suoi interpreti dichiarati, per cui la magistratura deve essere assoggettata al potere assoluto dell’esecutivo, per non avere intralci di sorta con la giustizia, lasciando proseguire indisturbato quell’affarismo che ha incrementato a dismisura la corruzione, come ci ha segnalato recentemente la Corte dei Conti nella consueta relazione annuale.
 
D’altronde, il Presidente del Consiglio è notoriamente entrato in politica per sfuggire alla giustizia, ed ora, dopo che i sodali Dell’Utri e Previti sono stati pesantemente condannati per affari loschi, sente il fiato sul collo dalla magistratura, nonché con tutta probabilità registra un certo calo dei consensi.
 
Poiché una cosa è arringare di volta in volta le folle a L’Aquila, a Napoli, a Lampedusa ecc., contando sulla manipolazione mediatica e i servigi di direttori prezzolati alla Minzolini, un altro è fare i conti con la realtà concreta, in quanto non materializzandosi le promesse facilmente declamate, si determina conseguentemente disillusione, repulsione e disaffezione dalla politica politicante.
 
In quanto alla Lega Nord come dice il proverbio “il diavolo fa le pentole ma non i coperchi”:
pertanto dopo aver attuato con il Ministro Maroni la criminale politica dei respingimenti, al solo scopo di raccogliere uno strumentale e bieco consenso, contando sui servigi dell’amico Gheddafi nella negazione più completa dei diritti umani, il sommovimento che ha investito i paesi del Nord Africa ha svelato l’assenza di qualsiasi politica di accoglienza e di solidarietà umana da parte dell’attuale compagine governativa.
 
Infatti, il populismo di destra su scala europea ed internazionale alimenta le politiche volte a carpire il consenso proprio attraverso la propaganda razzista e sicuritaria, essendo portatore di una pedagogia negativa, poiché “tratta i cittadini comuni, non esperti di cose politiche”, riprendo ancora le puntuali osservazioni di Zagrebelsky , “ non come persone consapevoli ma sudditi, anzi come plebe “.
 
Inoltre, essendosi la Lega Nord legata mani e piedi ai voleri di Silvio Berlusconi, pensando di aumentare le poltrone di sottogoverno a cui voracemente ambisce e di incassare il federalismo in salsa secessionista , mentre strepita contro Roma, le ripetute cadute di stile del presidente del Consiglio sicuramente non le giovano .
 
Se poi si considera che il governo intende sopravvivere attraverso l’inqualificabile compravendita dei parlamentari, mentre a proposito della vicenda Parmalat Mario Deaglio su “ La Stampa” del 26.3 ha correttamente descritto il rischio di retrocessione che l’Italia corre sul piano economico e occupazionale a livello internazionale, abbiamo una plastica idea dei danni provocati nell’ultimo decennio da queste destre petulanti.
 
Oltre che della barbarie purtroppo presente e dilagante del cosiddetto Occidente “ civilizzato”.
 
Cordiali saluti.
Gian Marco Martignoni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.