Ricerca

» Invia una lettera

Il Parco Pineta e i Comuni

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

11 aprile 2007

Buongiorno Direttore …

Vorrei tornare su un tema che spesso fa da padrone nelle varie ed interessantissime lettere che Voi pubblicate: il solco che si è creato tra i cittadini e la politica. Questo solco aumenta sempre più ed è sotto gli occhi di tutti la disaffezione dilagante. Vorrei fare un esempio di una realtà nel nostro territorio: il Parco Pineta.
Da buon naturalista io conosco abbastanza bene vari parchi della Provincia di Varese e non solo, ma vorrei spezzare una lancia a favore di questo stupendo e “atipico” Parco della Pineta di Appiano Gentile e Tradate. Diversamente da altri Parchi che si trovano in zone più o meno montuose e a cui le amministrazioni comunali dichiarano assoluta fedeltà (semplicemente perché nessuno ha interesse a costruire in zone montagnose), il Parco Pineta si trova in una zona ad elevatissima urbanizzazione ed è oggetto di incredibili pressioni politiche provenienti da ogni dove. Sembra incredibile che dal 1983 sia resistito a tanta pressione e io ci sono particolarmente affezionato: sembra uno degli ultimi eroi rimasti a combattere una battaglia impossibile, quella contro la politica. Fino al 1996 era Parco Naturale, poi per decisioni politiche incomprensibili agli occhi dei cittadini la sua struttura di fondo è stata indebolita dando luogo a proposte di stralci dei confini e di introduzione della caccia. Ma nonostante la politica stia dando l’impressione in questo caso di muoversi su un binario opposto agli interessi della cittadinanza, il Parco sta resistendo. Mi rinfranca in fatto che ha dalla sua parte la popolazione; oggi il Parco è amato da tutti, peccato che noi cittadini abbiamo l’impressione che le amministrazioni comunali non tengano conto di questo. Ripeto : abbiamo l’impressione e spero tanto di sbagliarmi, ma la cosa che mi fa più paura è che la gran parte della cittadinanza dei comuni limitrofi ha la mia stessa impressione. Eppure basterebbe molto poco : ritornare a prima del 1996, classificandolo come Parco Naturale.
Un Parco Naturale ha dei vincoli molto rigidi in termini di edificabilità e modifica dei confini, ma soprattutto toglierebbe la giurisdizione sul territorio ai Comuni , essendo esclusivamente la Regione , attraverso l’Ente Parco, l’unica responsabile della sua tutela.
Forse i comuni non sarebbero per nulla contenti, ma la cittadinanza ne gioverebbe incredibilmente.

Saluti

Giovanni

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.