Ricerca

» Invia una lettera

“Il potere logora chi ce l’ha”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

16 settembre 2011

Caro Antonio,
il tu è d’obbligo visto l’ottimo rapporto tra noi. Sei stato uno dei nostri primi lettori, e poi subito in prima fila per aiutarci alla nostra festa. C’è affetto, oltre che stima nei tuoi confronti. E’ bene dichiarare sempre l’affetto e non usare un finto formalismo.
Comprendo benissimo il distinguo tra Lega e Psi. Nel partito socialista, come nella Lega del resto, militava tanta brava gente. Ideali nobili e grande senso dello Stato hanno contraddistinto la battaglia di tante persone che si rifacevano al socialismo. Un’ideologia mai tramontata, ma certamente oltraggiata all’inverosimile nel nostro Paese, fino ad arrivare a deformazioni indecenti. Che fine abbia fatto il partito socialista è lì da vedere e potremmo far nomi da rabbrividire, se non fosse che qualcuno è anche al governo del nostro paese.
Il paragone con la Lega, lo hai parzialmente colto, era relativo alla situazione politica. Entrambi i partiti rappresentano una quota relativamente bassa dell’elettorato, ma i sistemi elettorali li rendono determinanti. Una situazione che fece degenerare il Psi e che ora sembra riservare la stessa sorte alla Lega.
Il potere logora chi ce l’ha, altro che chi non ce l’ha, come voleva far credere Andreotti. Logora perché allontana dalla vita reale e non permette più la conoscenza delle cose. La politica corre spesso questo rischio ed è per questo che i sistemi democratici forti si dotano di anticorpi vigorosi. Si pensi ai paesi anglosassoni dove basta non rispettare una coda per doversi dimettere da qualsiasi carica istituzionale. I politici (si pensi a Clinton e Blair, ma anche a Bush e alla Thatcher)  diventano ricchi dopo aver servito lo Stato e non grazie al loro servizio. Proprio come da noi viene da dire…
La Lega, da movimento antipartitico, e in parte eretico, è diventata perfettamente funzionale a un sistema di potere. Questo, oltretutto, con scarsa consapevolezza, come sempre capita a chi ha una doppia anima (di lotta e di governo).
In parte non ci sarebbe niente di male. Basterebbe dichiararlo.
Sulla tua ultima affermazione,, invece dissento totalmente. Meglio ladro che leghista, se non è una provocazione è una profonda idiozia. Non sono i colori o i fazzoletti a fare la bontà e l’intelligenza delle persone. La legalità è un valore assoluto non dimentichiamolo.
Capisco il tuo argomentare sull’esser socialista e sulle battute che accompagnano questa militanza. Una per tutte che spiega il clima di allora era un titolo di "Cuore", il settimanale satirico di Michele Serra, che affermava "Sabato scatta l’ora legale. Panico tra i socialisti".
Sorridiamoci sopra, Antonio, e lasciamo alla politica il compito di confrontarsi e di far valere le proprie idee.
Grazie per la tua lettera, come sempre preziosa.
Con affetto e simpatia.

Marco Giovannelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.