Ricerca

» Invia una lettera

Il signor Cordì non pretenda di censurare le opinioni dei lettori che non la pensano come lui

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

18 giugno 2011

Egregio direttore,
nella mia precedente mail ho espresso alcune mie opinioni sul ruolo che dovrebbe ricoprire la professoressa Oprandi all’interno del centrosinistra. Opinioni che, evidentemente, non sono piaciute al signor Rocco Cordì, di SEL, il quale ha sentito il bisogno (coda di paglia?) di intervenire in merito. Nella mia precedente mail io non ho offeso nessuno qundi trovo ridicolo che il signor Cordì esprima solidarietà alla professoressa Oprandi per l’attacco personale che avrebbe subito. Ridicolo anche che inviti la Redazione a non pubblicare più le lettere non firmate. Una richiesta di censura che francamente non mi aspettavo da un rappresentante di SEL. E che mi ha deluso. Dal signor Cordì ho appreso che SEL non partecipa a una guerra per bande. Quale? Io, persona normale che non ha mai fatto politica, dietro ai riferimenti e alle allusioni del signor Cordì, tipici del modo di fare politica degli anni ’80, intravedo solo la volontà di non riconoscere alla professoressa Oprandi quel ruolo di guida politica del centrosinistra che le hanno già riconosciuto gli elettori. I regolamenti del consiglio comunale non c’entrano nulla. Se c’è la volontà di fare qualcosa, le forme e i modi sei trovano sempre. Qui, invece, il problema mi pare diverso: il signor Cordì rivendica l’autonomia di SEL. In questo modo non si va davvero lontano.
 
Giorgio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.