Ricerca

» Invia una lettera

Il sussidio di disoccupazione e i “sussidi” dati alla Fiat

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

21 gennaio 2010

Leggendo i vari commenti e ascoltando le varie proposte che in questi ultimi mesi vengono fatti da più o meno illuminati economisti su come uscire dalla crisi e far fronte alla disoccupazione cresciuta a livello di alcuni anni fa, nessuno prende in considerazione ciò che da molto tempo i nostri partner europei applicano: il sussidio di disoccupazione con ricerca di nuove opportunità lavorative da parte delle agenzie territoriali del lavoro (ex collocamenti) con conseguente mancata elargizione del sussidio al terzo rifiuto da parte del disoccupato.
Sarei curioso di vedere, con questo nuovo meccanismo, se gli industriali continueranno a sostenere il fatto che noi italiani certi lavori non li vogliamo più fare e assumo in "semi nero" gli extracomunitari.
Un ultima cosa : leggevo che dal 1996 ad oggi la Fiat ha percepito 208 milioni di euro in sussidi da parte dello stato italiano.
Ecco i veri tumori della nostra disastrata economia.
Invece di dare i soldi ai disoccupati li danno ad un’industria che delocalizza all’estero.
Ecco certi economisti di destra e sinistra cosa intendono per la parola sussidio.
 
Massimo Puricelli - Legnano(MI)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.