Ricerca

» Invia una lettera

L’aspem irraggiungibile? Ma è colpa di noi utenti!…

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

28 aprile 2011

Dopo lo sfogo del sig. Genna, mi è venuta voglia di condividere la mia recente esperienza comunicativa con Aspem, che nasconde una vena di comicità surreale.
Anch’io ho contattato telefonicamente Aspem, più precisamente il servizio di Igiene Ambientale.
Confermo le difficoltà riscontrate con il numero verde. Chiamando invece direttamente il numero del servizio di igiene ambientale ho ottenuto risposta (numero a pagamento…).
La gentile signora non sapeva però darmi le informazioni che mi servivano, e cortesemente mi ha fornito l’indirizzo mail del "capo servizio".
Ho scritto subito, sottoponendo il mio quesito.
Dopo un mese, anche a me non crederete… nessuna risposta!
Come al sig. Genna, mi è venuto quindi un dubbio: che l’indirizzo fornitomi non fosse in realtà del "capo servizio", ma un fantasioso modo per chiamare il cestino mail. Domanda che ho posto direttamente ad Aspem, con una seconda mail indirizzata sia al "capo servizio" che al servizio clienti.
La risposta, effettivamente dal "capo servizio", è arrivata velocissima. E risentita. Già già, risentita…
Perchè lui la mia prima mail non l’aveva mai ricevuta (chissà chi se l’è mangiata…), quindi le mie lamentele erano "quantomeno affrettate e fuori luogo".
Traducendo: io millanto mail mai spedite (non ho altro da fare nella vita), sono affrettata (avrei dovuto aspettare almeno un anno?) e anche fuori luogo (questa poi… quale sarebbe il luogo?).
Dato comunque che dopo di ciò non aveva fornito una risposta completa al quesito che gli avevo posto, gli ho riscritto riformulando la domanda. E già che c’ero, mi sono permessa di notare che non è questo il modo di trattare i clienti di un servizio pubblico a pagamento. Quando c’è un disservizio,
indipendentemente dal motivo, le scuse di rito sono sempre le più adeguate, non certo le accuse o recriminazioni al cliente.
Altra risposta velocissima e ancora risentita. Risentita perchè lo avevo "ingustamente" accusato di "comportamenti non veritieri" (ma quali? ritardo nelle risposte, mancanza di gentilezza? boh…), ma soprattutto perchè lo avevo "paragonato al cestino delle mail". Santo cielo! Siamo andati avanti a ridere
per tutta la serata!
(E sì che parlare di cestini ad un dipendente Aspem non dovrebbe essere così
strano!!!)
Signor "capo servizio", si faccia una risata anche Lei, via!

Elena Orsini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.