Ricerca

» Invia una lettera

L’incontro tra Letta e la cancelliera tedesca

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

2 maggio 2013

Caro Direttore,
Il neo-premier reduce dal viaggio di presentazione ai leader europei è stato visto entrare in sintonia con la cancelliera tedesca Merkel. Si dice che la Germania si sia ammorbidita dalla sua corazza fatta di rigore e deficit di bilancio contenuto.

In realtà la Germania ha fatto solo spallucce e grandi strette di mano per consentire al nostro nuovo premier un poco di ossigeno al fine di attuare delle riforme che nessuno negli ultimi 20 anni ha voluto fare. Ma ora c’è la grande coalizione cerchiobottista che il giorno prima presta giuramento e il giorno dopo ricatta per la cancellazione dell’IMU.

Quello che nessun leader europeo ha avuto il coraggio di dire ma che emerge chiaramente dal discorso del neo-premier è che in Italia sembrano essere sparite le grandi associazioni criminali e l’evasione da primato europeo. La criminalità e l’illegalità diffusa in ogni strato sociale non sono viste da questo governo come i principali freni dello sviluppo! Letta non ne fa riferimento nel suo discorso.

L’Italia poco potrà fare se la politica non risponderà compatta contro questi due tumori che hanno ormai necrotizzato alcune regioni del meridione e che si preparano a infliggere il colpo di grazia alle restanti.

I discorsi di unità nazionale sono ormai retorica da 25 aprile, stantia ed ammuffita. Perché quando si tratta di far rispettare le regole e sradicare i boss lo Stato è assente e sembra anche sordo di fronte a larghe fette della popolazione che non ce la fanno veramente più. E non sto parlando di chi spara ad un Carabiniere in una piazza, quello è semplicemente un delinquente che va giustamente processato e non compatito o peggio, inneggiato come eroe.

Sig. Letta lei questa mail non la leggerà mai ma stia pur certo che al prossimo incontro la Merkel le spallucce non gliele concederà più ma si avventureranno tutti sulla carogna Italia.

Felice Griffi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.