Ricerca

» Invia una lettera

La burocrazia nella scuola

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

28 novembre 2012

Egregio Direttore,
Le scrivo questa lettera con la speranza che venga pubblicata.
Sono una maestra che svolge la sua professione (insegnante specialista) su 3 plessi diversi con 11 classi per poter completare le ore di cattedra.
Premettendo che non sono nè automunita, nè in possesso di patente di guida, mi sposto da una scuola all’altra (in Varese) a piedi.
Quest’anno mi è stato assegnato un orario a dir poco assurdo visto che terminando le lezioni in una scuola alle 12, dovrei trovarmi nella classe dell’altra scuola alle12  per poi riprendere, dopo la pausa pranzo (1 ora facendo anche finta di mangiare) nella scuola dove ho lavorato fino alle 12. Un altro giorno sono fino alle 11 in una scuola e devo fare 1 ora (dalle 11 alle 12) nell’altra scuola e poi tornare per le lezioni pomeridiane nella scuola dove ho lavorato fino alle 11.
Per fortuna questo non accade tutti i giorni ma le ho scritto perchè si è verificato un fatto spiacevole: con questo orario sono costretta a camminare molto e con qualsiasi tempo portandomi dietro tutto il materiale che serve per svolgere il mio lavoro. Ci sono giorni in cui il mio borsone arriva a pesare circa 5 – 6 kg.
Un mesetto fa ho incominciato ad avvertire forti dolori ad un piede e, convinta che si trattasse solo di un po’ di infiammazione ho fatto iniezioni ma il dolore non è diminuito, anzi è diventato così forte che camminavo per strada claudicando vistosamente.
Dopo gli accertamenti consigliati dall’ortopedico (Primario dell’ospedale) viene fuori che tratta di una FRATTURA  DA USURA cioè questa frattura non è stata provocata da un trauma, bensì dal muoversi in questo modo convulso da scuola all’altra con pesi eccessivi.
Morale: magnetoterapia da effettuare per 4 ore al giorno più prescrizione di plantari che aiutino a scaricare il peso sui piedi in modo diverso.
Veniamo al nocciolo della questione :chiedo il permesso a scuola per assentarmi (comunicando l’orario dell’assenza) per andare a fare un primo controllo dei plantari e mi sento rispondere che non è contemplata  nel contratto questa tipologia di assenza. COSA DEVO FARE? Devo fare venire a casa il tecnico dei plantari perchè se arriva la visita fiscale e non mi trova non sono giustificata? Mi hanno detto che non vale nemmeno un giustificativo del posto in cui mi reco per fare questo controllo
 Io sto facendo di tutto per poter velocizzare la mia guarigione e tornare presto al mio lavoro. La burocrazia che fa?
Grazie per l’attenzione.

G.C.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.