Ricerca

» Invia una lettera

La casa che rende folli

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

5 ottobre 2007

Gentili signori,
volevo approfittare velocemente di questa rubrica per raccontare quanto mi è accaduto ieri all’Ospedale di Circolo poichè ha dell’incredibile e anche del divertente (e meno male che ci scherzo sopra). Avete presente una delle scene più divertenti del film di animazione “Asterix e le 12 fatiche”, quando il povero Asterix è costretto a correre da un ufficio all’altro tra pratiche burocratiche, su e giù per le scale nella “Casa che rende folli”?
Ecco, a me è successa una cosa analoga.

Volevo prenotare in una nota clinica privata di Varese un esame cardiologico, nulla di serio fortunatamente, e mi è stato detto che questo tipo di esame si fa solo in ospedale.
Bene, trovato parcheggio mi reco al cup del’ospedale di circolo e con l’animo in pace mi faccio la solita coda di un’ora circa.
Mi dicono che l’esame va prenotato direttamente in reparto,
Sesto piano ospedale nuovo.
Mi incammino. Trovata un’infermiera chiedo informazioni e gentilmente mi dice che il test si fa ancora nell’ospedale vecchio primo piano padiglione di cardiologia.
Mi incammino ancora e arrivato a destinazione trovo un’altra infermiera la quale mi dice che non sa nulla meglio chiedere al padiglione centrale.
Mi incammino, ennesima infermiera che mi rimanda in cardiologia ma al sesto piano, torno indietro, faccio le scale perchè l’ascensore sembrava bloccato e dopo 12 rampe
arrivo in reparto, qui deserto assoluto, inizio ad incamminarmi per i corridoi bussando alle porte ma nulla… finalmente trovo una dottoressa che mi rimanda all’ospedale nuovo ma questa volta al secondo piano.
Scendo le scale e mi reincammino verso il nuovo ospedale.
Arrivo al reparto, chiedo informazioni ad un infermiera e questa mi dice “Deve andare al sesto piano del vecchio padiglione….” Lì ho iniziato a ridere dal nervoso e le ho spiegato tutto il travaglio.
Gentilmente mi fa entrare in reparto e mi manda da uno dei dottori…. il quale mi ha dato la risposta che meno di tutte mi aspettavo “Questo genere di test non lo facciamo a Varese, deve andare a Tradate”.
Meno male che il test al cuore è per un disturbo non serio altrimenti tra tutto quell’incamminarsi e il nervoso… mi fermavo dritto… in obitorio.

AH… per la cronaca a Tradate l’esame l’ho prenotato e anche fra una settimana. OLE’

Mauro

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.