Ricerca

» Invia una lettera

La corazzata Potëmkin è un capolavoro, non una c… pazzesca

varie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

5 luglio 2017

Egregio direttore,

pur non arrivando alla perfezione del saggio che ammonisce domandando: “Come si può ridere quando il mondo intero è in fiamme?”, mi riservo il diritto di ribadire che i comici italiani, da Sordi a Villaggio, senza escludere quelli ancora in piena attività come Crozza, hanno contribuito ad accreditare e rafforzare nell’immaginario collettivo la rappresentazione di un popolaccio ignavo e viscido, furbesco e servile, cui è preclusa ogni prospettiva di riscatto e di riscossa collettivi. Si tratta di una rappresentazione talmente denigratoria che non poteva non trovare un vasto spazio nei ‘mass media’ padronali.

Dobbiamo pertanto a Villaggio la creazione di personaggi, a partire da quello più emblematico, cioè Fantozzi, che sono, alla lettera, degli idioti, laddove dietro la loro idiozia s’intravede la smorfia dell’autore che li manovra come burattini per veicolare un’interpretazione della società che è di stampo prettamente qualunquista-anarcoide (non la direi anarchica, perché i veri anarchici sono persone serie). In conclusione, il ‘caso Villaggio’ ci insegna, ancora una volta, a capire che il riso comporta un grado elevato di complicità con il potere e con l’ideologia dominanti, il che, ne convengo, non è facile da concedere.

Che il riso non castighi i costumi ma li confermi, è certamente duro da ammettere. Ma è così. Il riso vale come critica solo se si aggiunge ad una critica che non ride: non può sostituirla. Bisogna sapere che la tirannide è tragica. In realtà, se si tiene conto che, in altri campi (ad esempio, la causa della pace), il premio Nobel è stato attribuito a personaggi politici come Gorbaciov (?!) od Obama (?!) e recentemente, per citare la letteratura, ad un menestrello come Bob Dylan (?), la goffa trenodia per la morte di Villaggio, intonata dai ‘mass media’ secondo la massima: ‘de mortuo nihil nisi bonum’, è veramente rivelatrice di quel conformismo culturale che ha consentito a personaggi artisticamente mediocri, ma ‘politicamente corretti’ (nel loro anticonformismo tanto esibito quanto apparente), di occupare spazi e visibilità sempre maggiori, fino ad assurgere, per l’appunto, a vere e proprie ‘istituzioni’, ottenendo, proprio loro che hanno fatto della lotta contro le istituzioni l’esteriore ragion d’essere della loro opera, un vasto consenso di pubblico.

In tutto ciò vi è poi una nota tipicamente italiana: quella di un paese in cui nel funerale il defunto più o meno illustre viene celebrato con un applauso; quella di un paese in cui, come diceva Antonio Labriola, la tragedia fa ridere e la commedia fa piangere.

Eros Barone

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberto_marabini

    Rispetto l’opinione di Eros Barone. Che non condivido. A mio avviso, gli italiani sono davvero “un popolaccio ignavo e viscido, furbesco e servile, cui è preclusa ogni prospettiva di riscatto e di riscossa collettivi”. E la corazzata Potemkin è davvero una cagata pazzesca: un interessante documento storico, purtroppo caduto in mano di cinefili pedanti, arroganti e deviati, ma assolutamente impresentabile ad un pubblico diffuso. Non mi permetterei mai di costringere alcuno alla visione delle mie diapositive di un allenamento sui pirenei… Continuo a sperare che anche i benpensanti prima o poi impareranno a rispettare le opinioni altrui.