Ricerca

» Invia una lettera

La crisi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

8 novembre 2012

Buongiorno Direttore,

eh già, la crisi, si fa sentire anche in Svizzera, e quando ti lasciano una settimana senza il Toner per la stampante inizi a porti delle domande.

Quando vai ad acquistare un prodotto in bocca alla balena fuori dal continente, eh beh….qualche domanda mi sorge spontanea.

Gran parte delle aziende in Svizzera sono gestite da Italiani, che poi  non si sa per quale arcano motivo, vendono.

Ma a chi vendono?naturalmente ancora agli Italiani, a "gente" della capitale che chissà come mai ha deciso di investire il proprio capitale in Svizzera.

Lavorando oltre confine se ne sentono di tutti i colori, aziende vendute agli americani, agli olandesi , ai svedesi.

Personale che arriva da ogni dove.

L’unica cosa che funziona ancora è la gestione dei pagamenti delle Tasse, perchè il Canton Ticino è gestito da Bellinzona ed essendo un piccolo Cantone tutto è molto risolvibile in breve tempo.

Le normative svizzere  sono sicuramente più efficienti di quelle italiane,  comunque vengono incontro ai datori di lavoro, a chi ha scarsità di liquidità, aiutano a dilazionare gli importi con una semplice telefonata, o comunicazione e-mail o  lettera postale.

E tutto funziona in maniera più sciolta.

Speriamo di poter risolvere il problema toner….

Buona giornata

Loredana Alberti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.