Ricerca

» Invia una lettera

La maleducazione della politica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

3 dicembre 2009

Gentile Redazione,
ieri ho accompagnato dei clienti provenienti da una paese estero a fare un giro per la nostra Provincia: pensando di far loro cosa gradita siamo andati al Sacro Monte di Varese, a S.Caterina del Sasso, e via Luino fino a Lugano.
Durante il tragitto più volte mi hanno damandato cosa fosse queste "Lega Nord" che campeggia sui muri di case, manufatti industriali, tratti stradali ed ogni altra cosa sia di posizione verticale. Ho spiegato loro – in maniera molto serena – che si tratta di una componente politica nazionale, che ha nel Varesotto il suo punto di nascita e di maggior sviluppo, basata sulla difesa delle proprie tradizioni, ecc. ecc. senza andare oltre. Mi hanno guardato con il classico sguardo di chi ha capito il gesto del "commerciale" che difende la propria nazione dicendomi: "sono un pò come i talebani da noi, ma non hanno le armi per fortuna". Ho sorriso e lasciato cadere la loro affermazione, non volevo fare polemiche.
In un secondo momento però passando davanti ad una serie di cartelloni pubblicitari nel comune di Mesenzana tappezzati da tempo con decine e decine di manifesti della lega (io li ho notati da almeno un paio di mesi) mi hanno fatto notare che devono avere molti soldi per poter pagare tutta quella pubblicità.
Stessa risposta da parte mia, sorrido e cambio discorso. Ora però un vero e proprio grido di rabbia mi sale dallo stomaco: ma é mai possibile che se una persona normale mette un cartellone pubblicitario e lo lascia esposto per pochi giorni in più del dovuto (pagando tanto di diritti al concessionario e al comune) becca una sanzione e questi benedetti cartelloni (tra l’altro spesso se non quasi sempre senza alcun committente responsabile a cui rivolgersi) stanno fuori mesi e mesi e nessuno dice nulla? Tempo fa a  Luino, in campagna elettorale, un altro candidato fece qualcosa di simile tappezzando tutta la città, ci furono proteste sui giornali, ma cosa é accaduto ? Nulla.
Mesenzana é tappezzata da manifesti della lega da mesi e cosa accade ? Nulla.
I muri delle case, capannoni, muri di contenimento stradale, sono ricoperti di scritte in verde inneggianti alla lega e cosa capita ? Nulla.
E sono solo due dei tantissimi esempi sotto gli occhi di tutti noi.
Non sono un politico e neppure voglio essere strumentalizzato, ma ieri per la prima volta, da Varesino, Lombardo e soprattutto Italiano, mi sono proprio vergognato, e oggi chiedo solo che questo malcostume, tipico di quei due schieramenti politici venga arginato (debellato non credo in quanto la
maleducazione continuerà ad imperversare, ma pazienza per pochi casi si può
tollerare la stupidità).
Altrimenti vuol proprio dire che la magistratura e la giustizia viaggiano a due velocità, su due mondi paralleli e distanti: uno per le persone normali o i "politici di grido" e l’altro per gli "esenti" da me citati in questa mia lettera di sfogo.
Vi ringrazio per l’attenzione: sarei contento voleste pubblicarla, ma anche in caso contrario prendetela come strumento di sensibilizzazione e/o provocazione, ieri mi sono proprio vergognato e arrabbiato di quanto dobbiamo subire in termini di maleducazione politica.
Cordiali saluti.

Stefano Franchetti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.