Ricerca

» Invia una lettera

La Polizia Locale ha salvato il mio gatto

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

27 settembre 2011

Il giorno 28 luglio verso le 14.30 la Polizia di Varese ha citofonato alla nostra casa dicendo: “Polizia, avete un gatto?”
Sono scesa e in giardino i due poliziotti, una donna e un uomo, mi hanno detto che nella strada parallela alla nostra hanno visto un gatto immobile a terra, che era appena stato investito dalla macchina che era passata davanti a loro.
Hanno raccolto da terra il gatto e l’hanno portato dal veterinario della ASL di Via B. Luini a Varese, il quale ha accettato che il gatto non aveva riportato danni interni, ma solo una ferita superficiale all’orecchio.
I due poliziotti sono tornati con il gatto sul luogo in cui era avvenuto l’indicente e l’hanno lasciato libero in modo tale che potesse da solo ritrovare la casa dei suoi padroni.
E così è stato!
Il gatto è arrivato fino a casa nostra, seguito dai due poliziotti, ed è entrato nel nostro giardino.
Ora il gatto sta bene ed è tutto merito dei due poliziotti.
Mi piace poter raccontare quanto è accaduto e poter dire che il ringraziamento fatto a voce ai due Agenti di Polizia non è stato nulla rispetto alla gioia del ritorno a casa del nostro gatto, che vive con noi da 12 anni e mezzo.
E vorrei aggiungere che quello che i due poliziotti hanno fatto non rientra nell’ordinario svolgimento dei loro compiti perché la loro professionalità e senso civico è arricchita dalla loro grande passione, umanità e amore per gli animali.
Paola Fiorini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.