Ricerca

» Invia una lettera

La solitudine dei ragazzi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

28 aprile 2009

Non ho nemmeno le parole davanti a tanto orrore, ma leggendo le (intelligenti, anche se non le condivido) parole dei signor Castellano non posso trattenermi dallo scrivere.
Io NON sono cresciuta da sola: io ho scelto da sola, ho sbagliato da sola, ma non sono MAI stata sola. C’era la mia famiglia, le mie amiche vere (e i loro genitori), c’erano (certi) insegnanti, c’era il prete dell’oratorio… Non c’è un momento di una scelta sofferta in cui mi sia stato imposto qualcosa, ma quando ho avuto bisogno, ho sempre saputo a chi chiedere. Allora non lo capivo, non lo apprezzavo, ma oggi so quanto valeva. In più, adesso che sono dall’altra parte, come mamma, mi accorgo che non è per niente facile accompagnare la crescita di qualcuno. Né scontato e a volte nemmeno molto gratificante…
Non credo sia giusto cercare delle cause in quelle che sono schegge di follia, ma forse noi adulti dovremmo interrogarci sulla solitudine dei NOSTRI ragazzi. Non è inevitabile e non può essere data per scontata!
 
p.s.: sul parallelismo tra fiction (cruda) e realtà (crudissima) non sarebbe ora di farsi delle domande?
Silvia Giovannini

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.