Ricerca

» Invia una lettera

La Valgrande nella guerra di liberazione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

23 giugno 2011

Caro direttore, Grazie Roberta.
Qualche parola anche su cosa era successo prima.
All’inizio del giugno 1944 i partigiani che avevano tentato di resistere ai rastrellamenti tedeschi in Valgrande si rendono conto di aver commesso un tragico errore rinchiudendosi in quella valle. Chi la conosce sa il perchè.

Il tentativo di ritirata dalla Valgrande costituisce uno dei più drammatici capitoli della guerra di liberazione. L’impresa è disperata e pochi riuscono a mettersi in salvo: i partigiani della "Giovane Italia", della "Battisti" e della "Garibaldi", vengono decimati, molti uccisi o fucilati sul posto. La battaglia finisce con la cattura di 43 prigionieri che vengono portati a Intra come ‘trofeo’ di guerra.

Segue l’epilogo che Roberta ha ben riassunto (316).

Chi è stato sulle nostre splendide montagne, chi ha parlato coi nostri vecchi, conosce bene queste storie di dolore e di sacrifici. Non capisco chi abbia voglia di gettare fango cosa lo spinge.

saluti cordiali
RC

ps
Il drammatico racconto di Carlo Suzzi (o Suzio) di Pallanza, sulla sua tragica avventura e sul martirio dei suoi compagni, lo si può leggere su "Il Monterosa è sceso a Milano" – Einaudi 1958

RC

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.