Ricerca

» Invia una lettera

Lavorare di fantasia

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

23 settembre 2011

 Caro Direttore,
non posso fare a meno di apprezzare la lettera n. 261 dello stimato prof. Eros Barone, il
quale, con la sua consueta efficacia e padronanza dell’arte dell’argomentare, ha saputo
esprimere il suo, ed il mio medesimo pensiero, con estrema chiarezza. Caro Eros, la tua lettera
mi conforta. In effetti, pensando ai soci alpini che posano croci, non mi vengono in mente
altro che immagini relative alla "marcatura" di un territorio. Cristoforo Colombo, che con fare
solenne piantava il crocefisso nella sabbia della nuova terra di conquista, o gli astronauti
statunitensi con la bandiera sulla Luna. Ancor più nitido è il ricordo di un film (Cuori
ribelli, con Nicole Kidman e Tom Cruise) in cui il protagonista, pioniere negli USA, piantava
una banderuola su un fazzoletto di terra dicendo: "questa terra è mia, me l’ha data il
destino!" Quante banderuole servirebbero per marcare tutta la vallata del fiume Po, o tutta la
periferia di uno staterello sui colli romani? Ma io non ho niente di meglio da fare che
fantasticare su cotali quisquilie, si sa!
Cordiali saluti.

Silvano Madasi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.