Ricerca

» Invia una lettera

Le reazioni dei lettori…incidente in via Piave

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

11 aprile 2007

Gentile direttore,

E’ piacevole leggere le reazioni dei lettori che trattano i motociclisti sempre allo stesso modo, identificandoli sempre con lo stereotipo del fracassone privo di coscienza che si fionda in mezzo alle innocenti auto privo di qualunque rispetto verso gli altri e men che meno verso il proprio istinto di conservazione.
Non voglio scadere nella solita diattriba di motociclisti contro automobilisti contro camionisti contro il resto del mondo, in fondo non sappiamo nemmeno se l’Incredibile Hulk è più forte di Superman.
Voglio però segnalare alcune anomalie di via Piave, va oltre la mia comprensione il fatto che in quella via, su due corsie una sia sempre occupata da auto illegalmente in sosta sul marciapiede (problema analogo a Via Magenta tra l’altro), situazione che crea traffico e code fastidiose. Ci sono anche le tanto discusse borchie, basta che una di questa sia appena umida ed ecco che il biruotista di turno si può trovare a baciare l’asfalto…se a questo aggiungiamo che qualche altro mezzo può rientrare di colpo in corsia perchè una di quelle auto in sosta apre inavvertitamente lo sportello ed ecco che la frittata è fatta.
E’ solo una della tante altre idiosincrasie della circolazione a Varese, come cercare di imboccare viale Valganna all’ora di punta, le code arrivano fino a viale Belforte ma l’amministrazione ha pensato bene di forzare tutto il traffico a defluire da una sola corsia, l’altra è riservata ai bus (che mai vedo passare a quelle ore) e all’uscita dei mezzi Enel, questa situazione provoca molti disagi oltre alla coda in sè, ovvero si presentano i furboni che tagliano la coda forzando l’ingresso praticamente sotto il semaforo, ci sono altri che tagliano tutta la strada per imboccare la corsia riservata ai bus…e infine c’è la coda interminabile.
Da questo cosa si conclude? Che non esistono categorie più portate all’incidente, esiste solo il traffico e più mezzi si trovano a contatto per metro quadrato più è alta la probabilità che accadano incidenti.

Ora però torniamo a quello che sappiamo fare meglio, bisticciare, a risolvere problemi si pensi più tardi.

Cordiali saluti

Lettera Firmata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.