Ricerca

» Invia una lettera

Le scarpe da tennis

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

18 gennaio 2010

C’erano una volta le scarpe da tennis, tela bianca o azzurra con lacci su suola di gomma. In effetti, a prescindere dalla specifica definizione/destinazione, da queste parti non venivano utilizzate, salvo rarissime eccezioni, per la pratica, giustappunto, del tennis (dove stava di casa allora il raffinato sport, nel Meridione?), ma costituivano semplicemente una dotazione, per le ragazze e i ragazzi fra gli 11 e i 18 anni, per poter partecipare, una o due volte la settimana, alle lezioni scolastiche d’educazione fisica o ginnastica.
Dette calzature erano più economiche di quelle normali, con tomaia di pelle e suola di cuoio, sicché, quando in famiglia le risorse finanziarie scarseggiavano, dovevano andar bene e bastare non solo per la ginnastica a scuola, ma indistintamente per tutti santi giorni.
Oggi, delle scarpe da tennis nel senso ricordato, non v’è più traccia, o meglio, in giro si trovano le loro eredi, rielaborate e trasformate profondamente, al punto da far moda e tendenza, ammiccanti dalle vetrine con sagome multi colorate e civettuole. I prezzi, però, non sono affatto accessibilissimi, bensì medio alti, su certe marche quotano addirittura sino a 250 – 300 euro, roba da sbiancare.
Tra le griffe cult, domina ed è particolarmente ambita una contrassegnata dall’iniziale H, acca maiuscola.
Qualche tempo addietro, ero fermo, nell’attesa di un amico, nel grande atrio di un importante palazzo delle istituzioni pubbliche cittadine. Le persone vi affluivano e mi transitavano accanto a decine, a centinaia, di tutte le età, maschi e femmine, orbene, sembra impossibile, l’80 – 90% di dette figure calzava pseudo scarpe da tennis, con la mitica H ben impressa e risaltante.
Quante paia, dunque, da 250 – 300 euro a addobbare, ad impreziosire, gli arti inferiori di quei passanti!
L’amico che aspettavo, accortosi della mia attenzione e concentrazione, mi ha fatto notare testualmente: ”Guarda che qui, pur di avere le scarpe targate H, la gente non esita ad indebitarsi, a contrarre un prestito”.
Sono stato casualmente testimone di un altro volto della nostra contraddittoria Italia, chissà poi se d’impronta positiva o negativa.

Rocco Boccadamo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.