Ricerca

» Invia una lettera

Le sparate di Beppe Grillo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

12 novembre 2008

Caro Direttore,
le brillanti “sparate” di Grillo fanno sempre sorridere. Quella sul futuro della carta stampata è una di queste. Non
mi fa sorridere la previsione, un vaticinio da apocalisse. Dà ilarità che una preveggenza simile giunga da uno che, bontà sua, di carta stampata non so quanto ne comprenda. Un esperto, insomma.
Solo quest’estate, gli esperti avevano previsto, col barile di petrolio a 150 dollari, che il costo sarebbe schizzato anche a 200. Oggi siamo a 59.
I soliti esperti e bene informati, ci avevano assicurato che la globalizzazione dei mercati, soprattutto di quelli finanziari, avrebbe risolto i problemi del mondo. Quali risulati abbia dato la panacea è sotto gli occhi di tutti. Disuguaglianze aumentate, multinazionali che pretendono di vendere i loro ogm, capitali che sono in grado di
destabilizzare Paesi in via di sviluppo o fragili democrazie solo con un colpo di clic. Non mi pare una conquista per il genere umano. Grillo oggi prevede la fine dei giornali tradizionali. Può essere. Non sono e non pretendo di essere un esperto. Mi fa specie che Grillo. Uno che chiede giustamente controlli su certi azzardi di finanza e dell’economia, si spinga a sostenere che solo il web è garanzia di democrazia. Con quali regole? Non lo dice. Non lo sa neppure lui. Non basta il controllo “dal basso” di una voce, di una fonte, di una notizia.
Occorrono regole serie e, soprattutto, regole che si facciano rispettare. Web e carta stampata, così come informazione radio e televisiva possono, a mio modo di vedere, ben convivere. Nei paesi europei in cui l’informazione web è ben più robusta, i quotidiani
tradizionali vendono almeno il doppio delle copie che da noi. C’è qualcosa allora che non va nel grillo-pensiero. Per quel che conta, continuerò ad utilizzare l’informazione via web di Varesenews, preziosa per la tempestività d’informazione, quella stampata per l’approfondimento che sa dare. E che domani sia quel che sia. A proposito, che cosa ha detto il Beppe nazionale sul dubbio che le firme
per i referendum da lui sollecitati, non sarebbero sufficienti? Ansa di ieri, per la cronaca

Marcello Signorelli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.