Ricerca

» Invia una lettera

Lettera aperta al sindaco di Induno Olona

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

27 dicembre 2013

Son in tanti che qui al mio paese quando mi incontrano mi chiedono come mai non scrivo quasi niente sul nostro comune. La prima ragione è che riconosco che oggi i nostri amministratori locali sono strangolati da una burocrazia e da uno Stato che concede loro una scarsa autonomia, al punto tale di essere loro stessi vittime delle inefficienze burocratiche nazionali, vedi ferrovia o la nuova caserma dei Carabinieri fantasma. Ciò non toglie che i nostri amministratori, a fronte di una crisi economica pazzesca, che riduce sul lastrico decine e centinaia di famiglie, non facciano anche loro parte, per risparmiare e quindi per non aumentare le imposte locali. Questi sono i rilievi o i problemi in tanti mi hanno suggerito:

PASSAGGIO PEDONALE PER L’ACCESSO AL 2° CAMPO DEL CIMITERO

DELLE PERSONE PORTATRICI DI HANDICAP: Nessun commento sulla necessità dell’opera, in molti non hanno compreso la spesa per la protezione in lastre di cristallo, oltre al corrimano in ferro. Una spesa, quella dei cristalli, orrendamente inutile.

DISTRIBUZIONE DEI SACCHI DELLA SPAZZATURA: Una organizzazione della distribuzione, forse con troppe persone sia dipendenti del comune e sia volontari. Qualcuno, dati alla mano, mi ha suggerito che si poteva spendere anche la metà per questo servizio. Un’altra persona si è chiesta a cosa serviva far conoscere a tutta la popolazione l’elenco delle vie dopo passa il camion della pulitura delle strade visto che non è corredato da nessun altro vincolo. Anche in questo caso sono in molti a sostenere che, escluso il centro storico, il servizio può essere dimezzato, visto che tante volte passa dove non c’è alcun sporco. Poi quando serve veramente, il servizio manca, sopratutto quando cadono le foglie. Oppure ci si dimentica della pulitura dei tombini che tanti volte provocano danni rilevanti alle abitazioni.

PIAZZOLA ECOLOGICA: Più di uno si è chiesto a che cosa servono le sbarre di ingresso che costringono l’utente a mostrare la propria tessera due o tre volte per accedere il servizio, con disposizioni di entrata ed uscita molto contraddittorie ed incomprensibili come per esempio quello di dover entrare da Induno ed uscire da Arcisate, senza alcuna segnaletica di chiarimento.

CENTRO STORICO: E’ andata disattesa la promessa di aprire ai pedoni il passaggio pedonale nel vecchio municipio a fianco della nuova sala civica. Orrenda poi la soluzione (anche se più economica) dei paletti in metallo al posto di un normale marciapiede. Mi segnalano inoltre un panettone posto in una posizione errata nell’ingresso della Piazzetta Corte don Andrea Riva.

VIA MONTE SANT’ELIA: C’è un problema irrisolto per l’ingresso dei TIR che riforniscono l’attuale supermercato, costringendo gli autisti in manovre pericolose che potrebbero provocare incidenti o danni alle persone. La domanda è questa: non è possibile aprire un passaggio provvisorio solo per il passaggio di questi automezzi nei pressi della rotonda ?

INFORMATORE COMUNALE: A quando da organo di informazione delle opinioni degli assessori si potrà trasformare in un vero informatore comunale con i progetti e relativi consuntivi dei costi delle opere pubbliche realizzate dal Comune ? Non sono quindi credibili, circolari che addossano solo allo Stato l’aumento dei tributi, senza una politica di risparmio serio, anche a livello comunale, perché l’antipolitica non discende dai vari populismo, ma è alimentata dallo spreco in tante, troppe opera pubbliche. Per adesso mi fermo qui, anche se è vergognoso assistere silenziosamente a tutti i piccoli negozi del paese senza poter fare nulla o alle famiglie senza lavoro Ma qui entra in gioco una vera autonomia comunale che i comuni non hanno, ma che si continua a chiedere forse da diversi decenni e problemi cui dovrebbe dare una risposta il governo centrale a cominciare dalla disoccupazione giovanile. Spero in una vostra risposta.

Emilio Vanoni - Induno Olona

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.