Ricerca

» Invia una lettera

Liberi come servi

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

23 agosto 2011

Egregio direttore,

debbo notificare con rammarico a Gelosia che la risposta (“la libertà di scelta”) che ha dato alla domanda che gli ho rivolto (“Che cosa distingue la libertà dei servi dalla libertà dei padroni?”), ahimè, è sbagliata. Infatti, se Gelosia proverà a riflettere sul tema, tenendo conto, dialetticamente, dell’altro lato della libertà (quello messo in luce da Ismaele), scoprirà che, data la inseparabilità tra la condizione del servo e la condizione del padrone, la libertà di scelta, orgogliosamente rivendicata dal secondo per mascherare il proprio potere di assoggettamento e più o meno sommessamente evocata dal primo per dissimulare a sé stesso e agli altri la propria condizione di assoggettamento, è solo un’illusione. La libertà dei servi è, infatti, identica alla libertà dei padroni, in quanto è ‘posta’ da questi ultimi, costituisce il necessario ‘verso’ di quel ‘recto’ che, in ultima istanza, coincide con i rapporti di proprietà e di produzione e fonda il loro carattere, ad un tempo, aliorelativo e asimmetrico.

Un ottimo esempio recente di quanto sia illusoria la ‘libertà di scelta’, fra gli innumerevoli che si potrebbero addurre, si può ricavare dall’azione di Marchionne a Pomigliano d’Arco e in altri stabilimenti Fiat, dove, mediante un referendum-farsa (= ‘libertà di scelta’), è stato imposto ai lavoratori, sotto il ricatto del miliardo di euro di investimenti della Fiat-Chrysler in Italia, un contratto-capestro che fa strame dei diritti, della legalità, della democrazia e di ogni regola. Dunque, in realtà, la ‘libertà di scelta’, tanto sbandierata dai liberisti come Gelosia, è solo il nome gentile che viene dato all’unico linguaggio che i padroni e i loro emissari governativi (ecco un’altra categoria di servi, sia pure di lusso) conoscono, comprendono e usano, il linguaggio dei rapporti di forza e del profitto, ragione per cui, se una differenza può essere ravvisata fra le ‘due libertà’, questa non è la fantomatica ‘libertà di scelta’, ma la forza.

Pertanto, comunico a Gelosia che, a causa della risposta sbagliata, per il momento non posso promuoverlo…e debbo rinviarlo ad un successivo esame di riparazione in data da destinarsi per consentirgli di svolgere un adeguato supplemento di studio e di riflessione. Va da sé che la determinazione della data dipenderà dalla qualità e dalla quantità del suo impegno nel recupero…

Eros Barone

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.