Ricerca

» Invia una lettera

Libertà e liberazione

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

28 aprile 2009

Senza voler avviare schermaglie linguistiche, noto che due parole aventi stessa radice etimologica e fors’anche qualche assonanza possono significare due cose diverse.
         E’ il caso di "liberazione" e di "libertà": la prima è riferita a un fatto, la seconda ad un valore. Volerle assimilare  usando l’una al posto dell’altra è un artificio  che sottende finalità politiche improprie e devianti. Infatti uno Stato democratico celebra un fatto come una vittoria militare o altro di rilevanza nazionale ma non un valore etico che è oggetto di culto laico quotidiano nella società e non di rumorosa festa annuale.
           Quanto poi al fatto che il 25 Aprile segna la fine di una dittatura cui non ha fatto seguito un’altra, è una ragione in più per continuare a celebrare, per altri 64 anni almeno , il 25 Aprile come festa della liberazione dal fascismo.
.            Una breve incursione linguistica nello "Zingarelli" ci informa che "liberazione" è anche "sollievo da uno stato di oppressione,di sofferenza, di preoccupazione".Ce n’è 
 
dunque abbastanza per continuare a celebrare senza reticenza la fine di una oppressione chiamata nazifascismo cui è seguita la pratica quotidiana del rafforzamento del valore della libertà
    
 
Nino Cattaneo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.