Ricerca

» Invia una lettera

Ma allora, adesso siamo in democrazia?

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

26 settembre 2011

Qui noi facciamo così. Il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamata democrazia. Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza. Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri,chiamato a servire lo Stato, non come un atto di privilegio, ma come una ricompensa al merito. La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo. Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo. Un cittadino non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private,ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private. Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa. E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benché in pochi siano in grado di dare vita a una politica, tutti qui siamo in grado di giudicarla. Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia. Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.Ogni cittadino qui cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero. Qui, ad Atene, noi facciamo così. Da uno scritto di Pericle di circa 2500 anni fà.
Ma allora, anzi, adesso siamo in democrazia? O no!
Leggendo questo scritto, e confrontato all’attualità mi sembra che siamo regrediti. Per questo ho coniato EGOCRAZIA, cioè si vuol far passare per democrazia quello che decide una sola persona, solo perchè è stato eletto da alcune persone. O Dio! Non conosco la situazione politica della moderna Grecia, ma gli auguro qualcosa di meglio dell’Italia.
Saluti
Saporito Santo

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.