Ricerca

» Invia una lettera

Ma quale reciprocità?

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

7 ottobre 2007

Caro Direttore,
una risposta quasi ovvia al signor Morelli.
Premetto che conosco (purtroppo) bene i paesi arabi, a partire da Dubai dove faccio due fiere all’anno da vent’anni, ma anche l’Arabia Saudita dove lavoro tra l’altro con Gazzaz, la più importante catena di grandi magazzini del paese.
Vivo quindi da anni, personalmente, tutte le stupide limitazioni e le angherie e la mancanza di democrazie di queste teocrazie medio-orientali.
Sono mille e una volta peggio dell’Italia e degli altri paesi occidentali, non ci sono diritti civili e politici elementari, la donna non è considerata, gli immigrati sono trattati come spazzatura, non c’è libertà religiosa o sessuale.
Sono un inferno, dal punto di vista democratico.
Detto questo (e tutto quello ancora che di male si può e si deve dire) il nostro è INVECE un paese civile, democratico, dove i nostri padri si sono fatti ammazzare per darci le libertà democratiche e una Costituzione democratica.
Proprio per questa diversità – che non ho paura a chiamare superiorità dal punto di vista dei diritti umani, sociali, civili e politici – io dico che non può, non deve esserci reciprocità.
Altrimenti ci metteremmo proprio al livello di quelle teocrazie medioevali.
Da noi ci sono doveri e diritti che vanno rispettati e fatti rispettare fino in fondo da tutti.
Da noi c’è una sola razza, quella umana.
Non possiamo accettare che una becera ideologia antistorica come quella leghista ci faccia regredire al livello degli integralisti islamici.
Io non mangio i cannibali, per reciprocità.
Io non sono favorevole alla pena di morte per i cittadini americani o cinesi, per reciprocità.
Io difendo le conquiste civili della Repubblico in cui ho la fortuna di essere nato.
E vorrei vedere estesi questi diritti a tutti i cittadini del mondo.

Un fraterno saluto

Antonio Rubino, Gallarate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.