Ricerca

» Invia una lettera

Made in…

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

10 maggio 2013

Caro direttore
A me dispiace che non si rispetti più il Made in Italy vero. Mi è venuta la fobia di guardare l’etichetta ogni volta che riesco a comprarmi qualche cosa.
Sig Binda coraggio, tanta gente come me rispetta i vostri sacrifici. Io non sono una imprenditrice , sono una persona dell’Italia medio-bassa ma amo il nostro Paese e spero sempre che chi ci governa tenga conto delle persone come voi che, con tanti sacrifici, cercano di rimanere a lavorare a casa nostra.
Per quanto riguarda i filati ha perfettamente ragione. Io ho la passione del ricamo, uncinetto, pizzo chiacchierino. la maggior parte del filo non è più prodotto in Italia e mi accorgo che il risultato dei miei lavori non sono più come prima. Devo stare attenta a lavorare vari colori insieme perché mi sono trovata, dopo tante serate passate vicino alla stufa a lavorare, lavare e vedere il pezzo finito, macchiato.

Buon lavoro, Agnese

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.