Ricerca

» Invia una lettera

Missione in Libano: “Pacifica ipocrisia”

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

4 settembre 2006

Egr. Direttore,
intervengo brevemente a proposito dei distinguo che da più parti si vorrebbero sostenere a proposito della diverse missioni militari italiane all’estero. Mai come in quest’ultimo caso (la partenza per il Libano) è risultato del tutto evidente l’ipocrisia e l’ossessiva politicizzazione del movimento pacifista nostrano: ieri i nostri militari erano malvisti e maldigeriti, per alcuni dei contro-rivoluzionari, per non dire degli assassini (e da assassinare, vedi i demenziali slogan su Nassirya…); ora i nostri militi sono dei santi, operatori di pace indispensabili ! Cerchiamo di essere un pò più seri: forse che i nostri ragazzi in Iran e in Afghanistan non sono anch’essi a servizio della pace nel loro quotidiano sforzo di favorire la nascita di un sistema democratico nei rispettivi paesi.? E questo – come si è purtroppo già ben visto – a rischio delle loro giovani vite !

Luca cattaneo, Gemonio- VA

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.