Ricerca

» Invia una lettera

Moto=morto?

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

24 aprile 2007

Caro direttore,
leggo da tempo il Vostro giornale, e come al solito verso aprile comincia il conto col pallottoliere dei centauri che perdono la vita in sella al proprio bolide.
E’ strano come tra la parola moto e la parola morto ci sia solamente un consonante di differenza, eppure spesso è proprio una piccolezza che ci cambia la vita!!
Sono anch’io motociclista, ho 29 anni, ma non riesco a condividere il pensiero di coloro che riescono ad avanzare idee di ogni genere.
L’unica cosa che ci si deve mettere in testa è che i limiti ci sono e vanno rispettati, ok, magari sgarriamo di qualche 10 km/h, ma dobbiamo essere noi stessi a capire che la nostra vita può finire e in un attimo per un stupidata!
In conclusione le vorrei riportare un esempio che credo emblematico: conoscerà la strada che porta da Cunardo a Grantola, quella tutta curve, domenica scorsa mentre la percorrevo in auto viaggiando sui 60 km/h (quindi una decina più del previsto), mi sono visto superare in curva da 6 dico 6 moto una in fila all’altra che hanno invaso completamente l’altra corsia pur di passare.
Moto non è sinonimo di “ti devo per forza superare” !
Grazie per l’attenzione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.