Ricerca

» Invia una lettera

Non ci sono solo i cani

1 di 1

Non ci sono solo i cani
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

11 giugno 2016

Caro Direttore,

quello che vede nella foto si chiama Paracheirodon Axelrodi o più comunemente Neon Cardinale.
Ne ho circa 50 nel mio acquario e stanno tutti benissimo. Questo senza chiedere un solo euro di sovvenzioni pubbliche.

Perché le dico questo. Perché forse sono anticonformista e ribelle ma sicuramente non sono totalmente fesso. Le dico questo perchè vedo che una domanda ricorrente, quasi ossessiva, che viene rivolta ai candidati sindaco delle nostre città è relativa al loro futuro operato per quanto riguarda l’accoglienza della città verso i cani ed i servizi che verrano creati (ovviamente servizi che vengono invocati come diritti fondamentali dai loro proprietari).

Ovviamente tutti si impegnano in promesse più o meno impegnative, alcuni si imbarcano in voli pindarici irrealizzabili, promettendo esposizioni canine annuali o permanenti, un’area cani in ogni parco (strano, ai Royal Garden non le ho viste le aree cani), distributori di palette in ogni angolo della città per far diventare in pratica la città giardino un perfetto cagatoio e pisciatoio per animali mono-specie.

Ma la cosa che mi stupisce di più è che queste risposte vengono date opportunamente condite di promesse perché tutti sanno benissimo che una parte di elettorato li voterà non per quello che potranno fare per i cittadini ma bensì per gli impegni che manterranno nei confronti dei cani dei cittadini. E qui con la coscienza civica possiamo benissimo tirare giù la serranda e dichiarare fallimento.

Ora, siccome ancora non sono ancora rincoglionito da questa nuova moda canina e siccome non vado in giro nemmeno a pretendere che le attività commerciali accolgano me ed il mio animale senza fiatare, oppure che le mie scelte di avere un acquario mi vengono sovvenzionate dai soldi pubblici della collettività allora vorrei portare alla vostra attenzione alcune criticità che Varese ha e che forse, tali criticità, potrebbero avere una priorità leggermente più alta che trovare aree cani o sacchetti per le feci (sacchetti che potete benissimo comprare con i vostri soldi).

Quali sarebbero le priorità? Partiamo dal Sacro Monte che, in una città che si dichiara a vocazione turistica, è il classico gioiello mal gestito ed abbandonato a se stesso, insieme ai suoi residenti.
Parliamo di un Hotel Liberty che in qualsiasi altro paese sarebbe stato rimesso a nuovo, operativo e avrebbe macinato soldi. Noi lo usiamo come ponteggio per delle antenne.

Parliamo di una caserma fatiscente che sembra essere evitata da tutti come la rogna.
Di una piazza antistante imbarazzante per essere considerata il salotto della città giardino.
Parliamo dei mezzi pubblici che vengono sempre più tagliati, degli autobus scolastici accorpati.
Parliamo del pronto soccorso dove devi attendere mediamente 5-6 ore. E quello di Legnano non è messo meglio.
Parliamo delle nostre città che non riescono a fare a meno delle auto, perché il servizio pubblico non è efficiente.
Parliamo del bike sharing sempre annunciato ma mai decollato. Parliamo di molte altre cose che non funzionano, dei servizi verso gli anziani anch’essi decurtati.
Ma non mi si chieda di spendere quei pochi soldi pubblici che rimangono nelle case dei nostri comuni per dotare la città di sacchetti ed aree per dei cani.

Sinceramente quelli sono fatti esclusivamente vostri che non dovete spacciare come esigenza collettiva. La civiltà si misurerà quando un cittadino verrà trattato alla stessa stregua di un cane, se non meglio. Ora non è così.

Felice
Tradate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.