Ricerca

» Invia una lettera

Non si scherza con la sensibilità di chi soffre

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

8 gennaio 2009

Caro Direttore,
la cinica lettera “I bambini di Gaza” del sig. Gelosia mi è arrivata come un pugno nello stomaco. Non credevo, pur leggendo, haimé troppo spesso, il succitato personaggio, che si potesse discettare in modo così freddo, ribadisco cinico, disinformato, superficiale, falso e di parte, su di un tema così doloroso e tragico. L’Alberto Gelosia mette in campo considerazioni (sue) che non stanno né in cielo né in terra, per puro diletto “intellettuale”; fa valutazioni, ipotesi e dice verità (sempre sue) che nulla hanno a che fare con la realtà dei fatti e della storia. Comodamente seduto davanti al suo computer (non potrebbe essere altrimenti vista la frequenza con cui appare su questa rubrica) azzarda soluzioni assurde e prive di sensibilità come in un gioco di Risiko. Consiglierei all’autore dell’articolo di affrontare la collera di chi non la pensa come lui quando sa di avere buone ragioni e documentate per sostenere, anche con forza, il proprio pensiero, ma di astenersi quando scrive ipotesi gravi per diletto e senza un briciolo di fondamento. Non si scherza con la sensibilità di chi soffre.

Beppe Orlandi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.