Ricerca

» Invia una lettera

Nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma … o rigenera

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

20 maggio 2013

Caro direttore,
studi oceanografici piuttosto recenti hanno appurato che l’inquinamento dei mari era sottostimato ed è fino a 27 volte superiore, infatti ad es. “la plastica” è presente ovunque ma le rilevazioni effettuate solo sul pelo dell’acqua non consideravano masse enormi galleggianti ad alcuni metri di profondità e non sempre affioranti per pesi specifici variabili con le temperature e i venti; le correnti fanno da motore al veicolo di trasporto dove diverse varietà di microrganismi trovano posto, in parte fondamentali per l’equilibrio della catena alimentare ma anche alghe e batteri nocivi e invasivi nel loro proliferare, tanto più perché i pezzetti scambiati per cibo vengono ingeriti dai poveri pesci.
Oltre le desertificazioni e deforestazioni, derivate dall’attività antropica, le quantità eccessive di CO2 trasformandosi in acido carbonico (H2CO3) non vengono smaltite sufficientemente nella
reazione con i residui fossili e calcarei presenti sui fondali, con la conseguenza che il pH si sta alterando pericolosamente mettendo a rischio quella straordinariamente stupefacente “alchimia  di simbiosi”, se così possiamo chiamarla, che in milioni di anni ha trovato con la mano di Dio le combinazioni giuste per dare origine alla perfezione che caratterizza la vita; colpevole l’uomo di aver trascurato e non aver invece apprezzato a pieno tutte le bellezze del creato, a cui almeno d’ora in avanti si potrebbe però porre un rimedio, purtroppo immediato perché “non sarebbe mai troppo tardi” anche se “il dado è tratto e … rien ne va plus”.
Qualcuno sta finalmente e fortunatamente, pensando di setacciare “i sette mari” per recuperare materie prime, magari convertendo le baleniere, così si spera che tutto il sistema possa giovarne aiutando ad interrompere un fenomeno che già entro la fine del secolo raggiungerebbe limiti irreversibili, cominciando a sparire molte altre specie di flora e fauna a tutt’oggi non apparentemente a rischio di estinzione.

A proposito di riciclo, ad Arezzo c’è una grossa Spa leader internazionale dove giornalmente convergono migliaia e migliaia di RAEE, elettronici o telefonini, recuperando le plastiche derivate dal petrolio ma soprattutto metalli preziosi e incredibilmente, udite udite, 300 kg di oro (Au) al giorno, dai pochi mg presenti nelle schede, mentre l’idea era nell’aria e si è concretizzata per i valori di mercato che l’hanno resa conveniente e così utile all’ambiente.
Son cose abbastanza risapute che vanno ripetute perché evidentemente sfugge sempre qualcosa e semmai tanto per farsi un’idea migliore sul nostro destino, che ci stiamo costruendo pian piano ma ultimamente velocemente, in tempi non lontani anche inconsciamente ed ora consapevolmente, direi tristemente se non si farà qualcosa di rilevante indirizzando le intenzioni miratamente, globalmente parlandone nei vertici dei capi di Stato costantemente, provvedendo prioritariamente da subito con l’approvvigionamento appunto differenziato, in generale sia per il lavoro che per ripristinare un habitat biodegradabile decente, all’insegna del “nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma … o rigenera”; altrimenti le risolvenze collaterali saranno quindi obbligate da soffocamenti e avvelenamenti, ritrovandoci presto con “l’acqua alla gola”, anche per lo scioglimento dei ghiacciai delle calotte polari.
Penso che basta e … avanza, ma a qualcuno al solito scapperà una risata, probabilmente un po’ isterica, per cui scusandomi di forse qualche imprecisione, o abbreviazione con tralascio di particolari, ringrazio dell’attenzione porgendo cordiali e distinti saluti.

Valter Abele Zaccuri

Valter Abele Zaccuri

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.