Ricerca

» Invia una lettera

Omaggio a Ponce de Leon

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

28 aprile 2011

Gentile Direttore,

mi duole doverLe scrivere sempre in circostanze spiacevoli, ma come per la morte di Max, vorrei spendere alcune righe per raccontare cosa ha significato, per la mia giovane vita di 27enne ottimista e fantasioso, questo personaggio dal nome raffinato e singolare.

Adelio Ponce de Leon è un nome che nella mia famiglia ha sempre raffigurato il profilo del protagonista di fantastiche storie e leggende, spesso esasperate come solo i nonni sanno fare, per stupire, affascinare e zittire i nipotini chiassosi e curiosi.
Adelio era compagno di classe di nonno Ettore, al Liceo Classico E. Cairoli di Varese. Quei due, dopo il liceo, scelsero la medesima facoltà, giurisprudenza, divennero avvocati e condivisero per i primi anni di avvocatura lo stesso studio in via Bagaini a Varese, di proprietà dei Ponce de Leon. Compagni di formidabili battute di caccia e di molte avventure che la vita riserva, i due si persero di vista, come spesso accade, col passare degli anni.

Da fanciullo passavo insieme a mio fratello Luca interminabili pomeriggi in un luogo chiamato " i culurin " nei boschi di Casale Litta, dove la boscaglia (che offre uno spettacolo raro di colori in autunno, da qui il nome) ancor oggi riserva uno spicchio di prato ideale per l’ubicazione di un appostamento fisso, un capanno, che esiste tutt’ora.

Mentre aiutavamo l’acciaccato Ettore (o meglio gli complicavamo le cose) nel mantenimento dell’habitat ideale per l’imminente arrivo della stagione venatoria, eravamo affascinati dai mille racconti del mitraglietta e dei fratelli Dante ed Eustacchio: memorabili padelle, grandi Beccacce, tiri formidabili, bottini di Starne, Beccaccini e Lepri, la battuta a Germani in Palude Brabbia o a Groppello, grandi pranzi ricchi di selvaggina e vino, la memorabile volpe al sacro monte…

Il giorno del funerale di nonno Ettore, anni dopo, nello sconforto generale, apparve un signore anziano eretto ai piedi del feretro: stringeva al petto, in segno di cordoglio, un cappelo, con una piuma incastonata sul lato. Era la "penna del pittore", trofeo di un cacciatore raffinato e nobile, una piccola remigante primaria che si trova sulle ali della Regina del Bosco, la Beccaccia.

Dati gli indottrinamenti avuti da Ettore ero certo che si trattava proprio di quella penna, che tanto è ambita da chi non ha ancora tra i trofei la Regina del Bosco. Solamente il tempo di cercare mamma Daniela o Zia Angela per chiedere chi fosse, che quel personaggio misterioso sparì, lasciandosi dietro il commento di un altro caro amico e cacciatore, Aldino, che affermò: "Era il Ponce! quanti anni! non ero sicuro, ma poi gliel’ho chiesto ed era proprio lui. L’è scapà a Milan!" Negli anni successivi ho solamente apprezzato i suoi libri, che narravano storie tanto simili alle avventure che mi venivano raccontate.

"Il profumo della Caccia" è un vecchio libro che ho sempre sul comodino: pagine ingiallite, "Dedicato ad Ettore, compagno di tante battute." dedica l’autore. E’ a tratti un vero documento storico che descrive la Varese dei primi 30 40 anni del 1900, quando ancora la città era nel verde, quando ancora le colture erano abbondanti e diversificate, quando ancora non c’erano pesticidi, quando i nostri prati e boschi erano abitati da molti animali che purtroppo oggi non incontriamo più.

Ometti ossuti e canuti fuori dai circoli, leggende di cani e fucili, che oggi non sentiamo più, perchè non ci sono più circoli, stanno sparendo, e nemmeno i vecchietti, anche quelli di quel tipo stanno sparendo, perchè non cè più il tempo di raccontare, di inventare, di gonfiare, le cose che quotidianamente ci accadono. L’anno scorso, grazie ad una interminabile pazienza, mio fratello Luca scoprì che Adelio Ponce de Leon abitava a Milano, in una piazzetta ben nota nei dintorni del tribunale.

Dopo una telefonata finalmente riuscimmo ad organizzare una visita all’Avv. Ponce de Leon proprio a casa sua. Un uomo distinto, di ormai 95 anni ci aprì la porta: occhi vispi e pieni di vissuto, camicia a quadri verde, pantofole ed un bastone fatto a mano da qualche valligiano durante una delle sue memorabili battute alpine.

Tra ricordi e ripetizioni, dovute all’età, Adelio ripercorse molte delle leggende che sapevo, molte narrate nei suoi libri, altre a me sconosciute, riferimenti a cose, persone, luoghi e avvenimenti fatti con una precisione stupefacente per un ultra novantenne. La chiacchierata finì con qualche ricordo commovente di Ettore, e con un dono: Andò nello studio ed estrasse due copie del libro "Beccaccie a sbattinfaccia".
Prese penna e pazienza e scrisse: "A Lorenzo, figlio di Ettore, caro amico e compagno di tante battute. Con affetto Adelio Ponce de Leon" e così replicò sul libro di Luca. La vecchiaia gli fece saltare un grado di parentela, ma l’orgoglio e la felicità invasero i nostri animi.

Ci lasciammo col desiderio di incontrarci nuovamente, promettendo che avremmo portato una foto che lo ritraeva insieme a Ettore, sorridenti sul lago a Varese, terra che tanto amava. La foto giaceva sul fondo di un vecchio scatolone, con la promessa di essere recapitata all’ultimo sopravvissuto di quell’istantanea. Purtroppo inadempienti ci rattristiamo per la sua scomparsa, e la scomparsa di un uomo che oramai apparteneva ad un altro secolo, ad un altra epoca, ma che fortunatamente ha saputo mettere su immortale carta tutta la sua strepitosa esistenza.
Grazie per l’attenzione.
Un cordiale saluto

Lorenzo Maffioli

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.