Ricerca

» Invia una lettera

Parcheggio al Sacro Monte, ci sono alternative migliori

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

18 dicembre 2013

Egr. Signor Direttore,

stanno succedendo a Varese dei fatti difficilmente comprensibili per la maggioranza dei cittadini (quelli che ritengono di comprenderli sospettano reconditi interessi privati ). Mi riferisco all’ormai noto costruendo parcheggio sotterraneo su due piani alla Prima Cappella, sulla curva di Via del Santuario, voluto e finanziato da Comune, Provincia di Varese e Regione Lombardia. Opera che già ha suscitato molte riserve sia per la localizzazione sia per i costi di costruzione e per quelli successivi di gestione. Non intendo qui riprendere la discussione, con relative polemiche. Rimango convinto come tanti altri varesini che un autoparcheggio ai piedi del Sacro Monte sia meglio collocabile, per le sinergie suscitabili, in prossimità della stazione di valle della funicolare. Tuttavia in questi giorni è venuta alla luce una ottima alternativa alla Prima Cappella, non si capisce perchè, insufficientemente valutata da chi di dovere.

Già alcuni lettori in un recente passato avevano indicato l’eventualità di utilizzare l’area della dismessa pizzeria. Ora si viene a sapere che tale opportunità,ufficialmente segnalata, non fu accolta pure presentandosi assai migliore. Ne fa clamorosa rivelazione Sergio Redaelli, addentro alle cose della" Fondazione Paolo VI per il Sacro Monte", con uno scritto sul sito online dei Frati
Francescani, solitamente rigoroso nell’informazione. Il Redaelli rivela che circa due anni or sono la Fondazione inviò al Presidente della Provincia Galli, e a Binelli, assessore alla partita del Comune di Varese, un promemoria col quale veniva segnalata la disponibilità a vendere da parte dei proprietari della ex pizzeria. I venditori , trattando, sarebbero scesi ad un milione di euro mentre la Fondazione, pure interessata alla cosa avendo una proprietà confinante, si proponeva di offrire la somma di 100.000 euro come contributo per la spesa della demolizione del fabbricato insistente sul sedime. Ne sarebbe uscita un’area libera di circa 3.000 mq di superficie tutta utilizzabile per un parcheggio a raso e per eventuali servizi igienici.

A conti fatti con una spesa di un buon 50% in meno ( diciamo pure circa un milione e quattrocentomila euro, contro i quasi tre milioni del parcheggio sotterraneo in curva ) si sarebbe realizzato un parcheggio con un 50% in più di posti macchina ( 140 anzichè 90). Mica noccioline…

 In buona sostanza la distanza tra le due soluzioni, per chi non conoscesse i luoghi, è di un centinaio di metri ! Vogliamo abbassare i costi per la collettività senza spostare una virgola nel disegno complessivo di dare un parcheggio ai frequentatori del nostro Sacro Monte ? Allora si fermino subito le procedure di appalto per la costruzione dell’assai più costoso parcheggio interrato. La cosa è urgente perchè sono già in corso carotaggi per verificare la consistenza della roccia ( 5.000 metri cubi da scavare! ) e le ruspe sono pronte. Proseguire nell’operazione avviata sarebbe un fatto di cui vergognarsi quando si rincorrono, giustamente, anche i pure piccoli dolorosi risparmi nella spesa pubblica.

Con distinti saluti

Ambrogio Vaghi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.