Ricerca

» Invia una lettera

Partenza per Lisbona saltata, passeggeri lasciati soli in aeroporto

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

27 dicembre 2013

Gentile Varesenews,
La mia notizia è forse un caso abbastanza frequente purtroppo di vacanze rovinate. Ma quello che è successo oggi è un poco surreale. Con mia moglie (incinta) abbiamo deciso di regalarci una breve vacanza a Lisbona. Tutto prenotato con anticipo, volo di linea portoghese ed albergo già pagato. Arriviamo a Malpensa in orario. Tutto fila liscio fino all’imbarco che avviene addirittura in anticipo. Saliamo tutti sul bus che ci dovrebbe portare all’aereo e qui inizia lo psicodramma. Il bus fa un tour per i piazzali dell’aeroporto e poi torna al gate. Scendiamo tutti, torniamo nella hall dove le ragazze del check-in non hanno la più pallida idea del perchè del nostro ritorno. Sono le 17:45 e il volo doveva partir alle 1800. Comincia a spargersi la voce che l’aereo avrebbe un carrello guasto. Alle 18:40 le addette Sea ci dicono che i tecnici stanno valutando il danno e ci potranno dare informazioni dopo un quarto d’ora. Passa un’altra ora ed il nervosismo comincia a farsi largo tra i numerosissimi passeggeri (l’aereo era esaurito). Finalmente ci viene comunicato che il volo è annullato, sono le 20:00. Assalto al banco del check-in. Nessuno sa nulla sulle riprotezioni (ci sono passeggeri con coincidenze). La compagnia TAP vergognosamente latita. Nessun responsabile in aeroporto. Il capo scalo è al cenone di Natale e non può essere disturbato. Chiediamo di parlare con il responsabile di turno. Non esiste! Poi si scopre che esiste ma si nega sia al telefono che di persona. Siamo tutti esasperati. Ci sono bambini piccoli, malati e donne incinte (tra cui mia moglie). Alle 20:30 ci viene detto che la compagnia al massimo rimborsa il biglietto ma non altro (tutti o quasi avevamo alberghi già pagati) e che chi vuole partire lo potrà fare solo ad aereo riparato da tecnici che dovranno venire da Lisbona e comunque non prima di domani (26 dicembre) nel tardo pomeriggio! Allucinante! Gli animi si accendono e compaiono anche agenti di polizia che salvano gli addetti dalla folla. Finalmente ci viene proposto un pernottamento in un hotel di Case Nuove e la garanzia della partenza il giorno dopo (26 dicembre) alle 17:00! Prendere o lasciare! Abbiamo preso quasi tutti non avendo altra scelta. Mi chiedo: è possibile un simile trattamento da parte di una compagnia di bandiera? Ed è possibile che  la Sea non si degni di mandare uno straccio di responsabile a parlare con persone giustamente esasperate? Malpensa dovrà essere la porta di entrata dell’Expo? Sarà questa l’accoglienza dei milioni di visitatori? Ah, un ultima chicca: alla riconsegna dei bagagli li abbiamo trovati tutti bagnati fradici. Ovviamente erano stati lasciati ore sotto la pioggia sul piazzale. Grazie per l’attenzione e un cordiale saluto
———–
Sea, venuta a conoscenza di quanto accaduto, tiene a precisare che la società non è responsabile di decisioni prese dalle singole compagnie. Questo vale per i voli come per il trasferimento dei bagagli dallo scale all’eromobile, trasferimento che non è gestito direttamente da Sea. 
Sea si rammarica per l’accaduto e auspica che la compagnia abbia risolto il problema nel migliore dei modi.


Fulvio Chiodetti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.