Ricerca

» Invia una lettera

Partito democratico, una scommessa da vincere

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

11 aprile 2007

Egr. direttore,

la discussione che ferve attorno al Partito Democratico ci dà l’esatta misura di quanto ancora la politica sia sentita dai cittadini a discapito di quanto ci si sente spesso a sproposito ripetere.
Alta politica certo, vista come progettualità, come capacità di gettare la mente e il cuore, anche il cuore, oltre l’ostacolo e sicuramente la sfida del Partito Democratico è il tentativo coraggioso di dare nuove risposte alle esigenze di un Paese con una classe politica e una geopolitica vetusta e incerta, a tratti ancora legata a vecchi stereotipi e formule buone forse per un cartello elettorale ma non certo per garantire governabilità.

Due fra i principali partiti, i DS e la Margherita, che decidono di “mettere sul tavolo” la propria storia, i propri ideali e valori, non poi così distanti come può apparire, per dare vita a un soggetto politico di ampio respiro; l’Ulivo è stato una sorta di apripista, oggi con la nascita del PD forse si aprirà una nuova fase della storia politica fondata non su ideologie in disuso ma sulla capacità di pensare, di lavorare, di proporre, di garantire al Paese un contributo forte per conquistare quella normalità di cui il Paese ha bisogno oggi più che mai.
Certo, dicevo, un progetto ambizioso e coraggioso, aperto alle istanze e alle proposte dei cittadini, capace di rinunciare ai personalismi per dare forma e contenuto a una nazione di ritardo rispetto al resto d’Europa ma che ha in sè le risorse per recuperare il tempo perduto con il precedente governo di centrodestra.

Il Partito democratico è un fatto soprattutto culturale, un rovesciamento di schemi e mentalità e quindi non può che essere una scommessa assolutamente da vincere per il bene dell’Italia e per la sopravvivenza, anzi forse per la rinascita di quei valori imprescindibili per una democrazia compiuta.

Roberta Lattuada

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.