Ricerca

» Invia una lettera

Piccoli accorgimenti per far decollare il Sacro Monte

Il Sacro Monte
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

27 giugno 2016

Quando all’inizio dell’era leghista il trasporto pubblico cittadino era affidato alla Azienda Varesina Trasporti esisteva un volumetto omaggio dal titolo “Orientarsi” che in una cinquantina di pagine offriva uno strumento pratico e maneggevole a cittadini e visitatori per vivere meglio la città, per riscoprirla nelle sue bellezze e tradizioni ma soprattutto nella sua funzionalità.

Il costo del volumetto era coperto dai numerosi inserzionisti che con AVT, Aspem e Comune di Varese permettevano di diffondere le 23.000 copie annue presso le rivendite di biglietti, Pro Loco , APT e presso tutti gli sponsorizzatori.

Dalla pagina 20 alla 37 comparivano gli orari delle linee di trasporto ed una cartina che evidenziava con colori differenti il percorso delle linee AVT completa dei luoghi di percorrenza e destinazione.

Il confronto fra il servizio offerto dal TPL di allora con quello al termine dell’era leghista è veramente impietoso soprattutto sul percorso della C che unisce Bizzozero a Sacro Monte e, con altri 10 minuti, giunge a Campo dei Fiori.

Ben 27.663 viaggiatori hanno utilizzato la funicolare nei 100 giorni del 2015 con un incremento notevole rispetto ai 20.000 circa degli anni precedenti e ciò è stato possibile con l’introduzione del biglietto unico integrato da 1,40 € , valido 90 minuti.

Alla fine del 2016 il numero dei viaggiatori verrà in ogni caso superato anche in considerazione della strepitosa affluenza del turismo religioso che dal 14 dicembre al 19 giugno 2016 , ha visto passare dalla Porta Santa, 28.350 pellegrini al seguito di 323 gruppi organizzati.

Il confronto con i 183 pellegrinaggi del 2014 aumentati a 262 dell’anno di Expo 2015 evidenzia l’accresciuta importanza turistica del Sacro Monte la cui valorizzazione rientra tra i programmi del nuovo sindaco Davide Galimberti, nel volumetto dal titolo “VARESE 2021 il progetto per la città che riparte davvero “prevedendo entro il 31/12/2016 l’approvazione del piano per il rilancio turistico della città con l’obiettivo di portare Varese, nei prossimi tre anni, fra le prime dieci città turistiche d’Italia.

Le premesse ci sono grazie alle proposte culturali dei musei Baroffio, Pogliaghi e Centro Espositivo Paolo VI, alla riapertura della Cripta sotto il Santuario, agli spazi espositivi del Camponovo con interessanti rassegne artistiche sempre differenti, alle conferenze presso la sede degli Amici del Sacro Monte, allo straordinario successo della rassegna teatrale estiva “tra Sacro e Sacro Monte” giunta alla settima edizione e, non ultimi, l’attività divulgativa della Cittadella delle Scienze e dell’Osservatorio Astronomico di Campo dei Fiori.

Il previsto scambio culturale Varese-Firenze potrebbe aiutare a rispettare la scadenza dei tre anni . Non si deve dimenticare l’accessibilità che deve salvaguardare un ambiente naturale ricco di storia e paesaggi che non merita l’assalto di un turismo motorizzato sacrificando spazi sottratti ad un Parco Regionale istituito per tutelare le falde acquifere e l’aria che respiriamo.

Non sono molte le città che dispongono di questo patrimonio ereditato gratuitamente e sfuggito finora ai danni della cementificazione invocata illusoriamente per favorire l’arrivo di turisti.

Il caos automobilistico di alcune giornate al Sacro Monte è causato soprattutto da un servizio di trasporto pubblico lasciato decadere per evidenziare l’esigenza di realizzare parcheggi auto inutilizzati per almeno 300 giorni all’anno.

Semplici e gratuiti accorgimenti proposti da tempo al TPL potrebbero avere benefici risvolti economici sulle attività turistiche del borgo senza togliere posti auto ai residenti del borgo.

Cordiali saluti.
De Maria Domenico

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.