Ricerca

» Invia una lettera

Piscine e dintorni

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

28 aprile 2007

Leggo da vostro ultimo di redazione circa ATO.

Giusto che i possessori delle 75 piscine di Varese vengano invitati ad un più oculato uso dell’acqua.
Ma in cosa consiste ciò?
Una piscina di 4 per 8 profonda 2 metri, cioè una bagnarola, sono 60 mc. di acqua che per motivi igienici dovrebbero essere svuotati una volta la settimana.
Giusto?
Oppure si deve fare il bagno nell’acqua sporca e malamente rigenerata o riciclata?
Inoltre mi giunge notizia che la maggior parte delle piscine sarebbero catastalmente denunciate come riserve d’acqua.
Doppia frode, dunque, perché quegli immobili dovrebbero essere A8 o oltre. Vero o falso?

Ci sono degli aerofotogrammetrici recenti delle nostre località che neppure le evidenziano le piscine.
Che li abbiano fatti con la matita?
Signori Sindaci, quelli che sono in questo caso, vogliamo darci una svegliata?
Invece di consentire a qualche sporcaccione di scrivere sul Corriere della Sera che dobbiamo lavarci di meno pure le mutande?

Un caro saluto.

Gianantonio Calderara di Golasecca

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.