Ricerca

» Invia una lettera

Podisti e ciclisti sulla ciclo pedonale incompiuta di Comabbio

Avarie
Foto varie
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

19 luglio 2017

Egregio direttore,

Come avviene da anni domenica 22 attorno al lago di Comabbio si correrà “ Run for Parkinson”, corsa non competitiva organizzata dalle associazioni impegnate nella lotta contro il Parkinson .

Purtroppo, al di là dei piccoli interventi che potranno eseguire gli organizzatori , ancora una volta “ la bella incompiuta “ sarà costretta a mostrare tutta la trascuratezza di chi avrebbe il dovere di occuparsi di lei .

Infatti permane l’assenza della stessa a Mercallo, nel tratto che va dal semaforo al lago per cui ciclisti e pedoni sono costretti a transitare in compagnia di auto e moto non sempre rispettosi del codice stradale.

La precedente amministrazione provinciale ha avuto il merito di realizzare 12,3 chilometri di ciclopedonale, dimenticandosi di dei 300 metri mercallesi .

Per un certo periodo erano due i tratti misti auto / pedoni : uno a Corgeno di Vergiate e l’altro a Mercallo .

Il problema di Corgeno è stato risolto sempre da parte della passata amministrazione provinciale, mentre a Mercallo nulla è stato fatto .

Come mai ? Nessuno ha fornite spiegazioni .

Ora leggiamo le dichiarazioni ottimistiche del vicepresidente provinciale Magrini ,il quale ci informa di studi di fattibilità di ciclopedonali che dovrebbero interessare le Comunità Montane e le Valli del Verbano onde “rendere coerenti e interfunzionali i percorsi già esistenti nella Provincia di Varese, in modo che possano essere fruibili come “circuiti”.
Ottimo intento, ma sarebbe ora di rendere “coerente“ anche il tratto mancante che si trova a Mercallo .

Magrini ha ragione quando scrive che “lo sviluppo della mobilità ciclopedonale, infatti, è fondamentale per una crescita sostenibile e turistica del territorio.”

A tal proposito proprio ieri nel piazzale vicino al semaforo di Mercallo si è fermato uno dei tanti autobus con targa straniera con annesso box.
Dall’autobus sono scesi ciclisti vestiti di tutto punto che hanno inforcato le biciclette custodite nel box.

Credo che nel vedere un’auto venire in senso contrario avranno pensato che l’automobilista aveva sbagliato strada . Invece era tutto regolare.
Quando tutto questo finirà ?

Dott. Andrea Bagaglio –Consigliere Mercallo Possibile

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.