Ricerca

» Invia una lettera

Popoli

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

30 gennaio 2009

Gentile signor direttore,
ho letto lo scritto di Maria (“Su Battisti ci riconosciamo con Napolitano”), e sulla coerenza lì accennata mancano poche cose:
la storia è riportata qui: http://espresso.repubblica.it/dettaglio-archivio/515677 da Peter Gomez e Marco Travaglio.
A riguardo di popoli e di democrazie, per chi ha pensato che la storia del presidente degli U.S.A. legittimasse la storia del presidente del Consiglio italiano, ecco le differenze tra Barack Obama e il fondatore del Popolo delle Libertà:
Barack Obama:
http://it.wikipedia.org/wiki/Barack_Obama
non è un divorziato risposato;
quando è stato eletto, non era presidente di un’azienda con 4 mila miliardi di lire di debiti.
Silvio Berlusconi:
http://it.wikipedia.org/wiki/Silvio_Berlusconi
è un divorziato risposato, quindi ha una morale non irreprensibile cioè non compatibile con la guida di un popolo;
http://www.societacivile.it/primopiano/articoli_pp/berlusconi/debiti.html
quando è stato eletto, era fallimentare (ma il fallimento non era reato?).
Battisti ha debiti irrisarcibili con i parenti delle quattro persone da lui ammazzate…
http://it.wikipedia.org/wiki/Cesare_Battisti_(1954)
Se il Brasile accogliesse Berlusconi come rifugiato politico, in Italia non si leverebbe nessuna voce?

Carlo Cattorini - Gallarate

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.