Ricerca

» Invia una lettera

Proposta della Destra: premio ai repubblichini collaborazionisti del nazismo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

10 gennaio 2009

Egr. Direttore,

Non è mai successo nella storia che uno Stato riconoscesse meriti, elargendo titoli onorifici e prebende vitalizie, a cittadini che non avessero difeso la patria, che si fossero addirittura schierati, si fossero armati ed avessero combattuto al fianco e al servizio di un nemico straniero.
Potrà invece avvenire cosi’, nel nostro paese, se sarà approvata la legge che un gruppo di parlamentari del Popolo delle Libertà ha presentato in questa legislatura, per la quale il Ministero della Difesa ha già previsto una spesa di 200 milioni l’anno, e che propone di conferire l’ “ordine del tricolore”, un ordine cavalleresco di nuova invenzione, anche a chi partecipo’ alla Seconda guerra mondiale in posizioni che facevano riferimento alla repubblica di Salò. Si’, alla repubblica di Salo’. Quella parodia di repubblica che Mussolini, liberato per opera di paracudisti SS dalla prigione in cui era stato relegato dal re dopo il crollo del regime, aveva costituito con gli ultimi fascisti rimastigli fedeli, alla totale mercè della Germania di Hitler.
Due anni, ’43-’45, durante i quali nazisti e repubblichini si resero responsabili di atroci delitti, rastrellamenti, rappresaglie, assassini, eccidi, stragi perpetrati non solo contro partigiani e antifascisti , ma anche contro inermi popolazioni civili. Migliaia le vittime. Boves,. Fondo Toce, Marzabotto, S.Anna di Stazzema, Monte San Martino, Monte Caio, Malga Zanta, Fosse Ardeatine…
La rivalutazione dei fascisti collaborazionisti del nazismo, che la proposta di legge in questione intende compiere, costituirebbe un fatto di estrema gravità.
E anche un macabro assurdo.
Premierebbe l’opera di chi porto’ il nostro paese alla catastrofe, sconvolgerebbe le radici su cui è improntata la storia della nostra repubblica e della sua democrazia.

Cordiali saluti

Maria Pellegatta, Federazione P.d.C.I. Varese

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.