Ricerca

» Invia una lettera

Quell’incrocio è pericoloso

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

16 ottobre 2007

Egr. direttore,
sono uno dei tanti “forzati dell’automobile”: tutti i giorni devo sorbirmi le stesse strade poichè non esiste un servizio pubblico decente, o almeno utilizzabile. Abitualmente esco al casello di Besnate e mi dirigo a Gallarate. In questi giorni ho avuto una bella sorpresa: una graziosa barriera mi costringe a cambiare direzione e percorrere un paio di chilometri in più.
Lascio ad altri le considerazioni riguardanti tempo, costi, manovre assurde, e soprattutto inquinamento.
Ho sentito dire che quell’incrocio è pericoloso, come tanti altri.
Anche a me è capitato di rischiare di sbattere nel solito “smanettone” che oltrepassa il limite di velocità sia del codice che quello del buon senso. Non so se sono prudente o fortunato, ma non è successo nulla. In compenso mi sono posto la domanda: ma perché diavolo è pericoloso un incrocio così ampio? La risposta è di una semplicità mostruosa:
1) nell’ aiuola c’è erba (scoperta!!!) incolta e normalmente troppo alta
2) nell’ aiuola c’è anche un grosso palo con un grosso quadro elettrico opportunamente affiancato, messi ovviamente in modo da precludere la visuale
Non credo che sarebbe costosissimo tagliare l’erba un paio di volte in più e neppure spostare quei due inopportuni Cosi.
Sarei anche curioso di sapere se chi ha deciso la chiusura dell’incrocio è lo stesso genio che ha fatto piantare palo etc.
Da ultimo vorrei, Egr. direttore, vorrei lanciarle una proposta: perchè non apre una rubrica dedicata, non alle grandi opere, che tanto si faranno, forse,dopodomani, ma sicuramente con criteri dell’altroieri, ma dedicata a questi piccoli problemi quotidiani?
Io lo farei e la chiamerei bestiario stradale .
Grazie per la pazienza e cordiali saluti

Alberto Gelosia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.