Ricerca

» Invia una lettera

Regole per tutti, non solo per chi va in moto

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

26 aprile 2007

Egregio Direttore,

le scrivo in merito all’editoriale che ho appena letto sul Vs/ sito web.
Sono un motociclista praticante, un motociclista convinto ed appasionato e ormai non mi stupisco più della stupidità di certe affermazioni.
Si perchè arrivare a certe affermazioni come quelle dell’editoriale dove ogni motociclista si dovrebbe pagare le proprie spese mediche significa ignorare completamente cosa vuol dire andare in moto, cosa implica andare in moto e come avvengono gli incidenti in moto.
Significa basarsi semplicemente sul sentito dire, su quanto riportato dal cugino del parente del portinaio che una volta ha visto uno in moto, sul supposto, sull’idea normalmente sbagliata che ci si fa del motociclista medio.
Questo editoriale sarà letto da tanta gente che come lei evidentemente le moto non le conosce e che basandosi sulla sua importante posizione penserà che quanto da lei asserito sia verità assoluta purtroppo.
Verità assoluta è invece sapere che le stesse moto che vengono vendute in italia vengono vendute nel resto del mondo (come mai nel resto del mondo quel che succede da noi non succede vuoi vedere che le moto non c’entrano?), verità assoluta è che gli autovelox e il sistema di patente a punti sono strumenti utili solo ai comuni italiani per far cassa e non aiutano la sicurezza di NESSUNO, verità assoluta è che non c’è alcuna formazione ma non a scuola, dove al sottoscritto non è mai stato insegnato nulla sulla circolazione stradale eppure non sono un criminale alla guida, ma nella famiglia (primo organo di istruzione e di formazione).
Mi potrebbe anche star bene poi che un centauro sventato si paghi le spese mediche per guarire dalle ferite che la sua stupidità ha causato, però esigerei che lo stesso trattamente venga riservato a tutti gli automobilisti che causano ferite ai motociclisti incolpevoli, provi a proporre una cosa simile e mi dica quali saranno le reazioni del mondo dell’auto, non solo da parte degli automobilisti ma anche da parte delle lobby delle auto ovvero da parte di FIAT.
Vuole porre dei limiti, benissimo poniamo dei limiti evitiamo che TUTTE le categorie che circolano per strada possano superare i limiti di velocità imponendo l’uso obbligatorio dei limitatori di velocità ma non solo sulle moto o sui camion ma anche e anzi soprattutto sulle auto.
Infine un ultimo appunto per farle capire come lei sia tremendamente lontano dal capire cosa significa la parola “Motociclismo”.

Grazie

Matteo Senes

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.