Ricerca

» Invia una lettera

Repressione e corpetti catarifrangenti per limitare le morti

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Loading...

24 aprile 2007

Gentile direttore,
da scooterista che si “sciroppa” ogni giorno 120 Km casa-lavoro e ritorno mi sento un po’ coinvolto in questa discussione.
Coinvolto per le volte in cui ho richiato, per colpa mia o altrui.
Come molti altri trovo inapplicabile ed ingiusta l’idea della non copertura sanitaria degli incidenti dei motociclisti.
Su altre questioni, come la potenza eccessiva, bisognerebbe farsi una precisa domanda:
Per quale infrazione si muore in moto?
Classifichiamo i casi e proviamo a trovare una risposta ad ognuno di questi.
Nei vostri recenti, e purtroppo molto numerosi, articoli su morti in moto compare quasi sempre la frase “si sta indagando sulla dinamica”.
E questo è fondamentale.
A mio parere si muore in moto per varie situazioni:
– Incidente mentre la moto supera una coda con conseguente impatto con chi arriva in senso opposto
– Mancata precedenza data o ricevuta
– Eccessiva velocità
– Manovra errata di chi sta a fianco
– strade sconnesse etc etc (dove la velocità ha comunque la sua parte)
Da qui si deve partire per verificare che spesso il problema è nella condotta del motociclista, altre nella scarsa visibilità dei mezzi etc etc.
Io 2 proposte le avrei da fare, almeno per la questione visibilità:
– obbligo di corpetto rifrangente per motociclisti e ciclisti
– anabbaglianti sempre accesi per tutti (troppi non accendo i fanali perchè tanto ci vedono non sapendo che i fanali con scarsa visibilità sono fondamentali per essere vistinon per vedere)
Per la condotta mi sento di dire: repressione. Verso automobilisti e motociclisti indistintamente.

Roberto Ganna

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.