Ricerca

» Invia una lettera

Roba da matti

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
Caricando...Caricando...

23 ottobre 2012

Buongiorno direttore,

le voglio raccontare oggi, una storia che ha dell’incredibile.

Una storia di richiesta finanziamento per ristrutturare un’abitazione da adibire a locazione. Vogliono che facciamo girare l’economia, beh, santo cielo, permetteteci di farlo!

Investo un capitale se pur dell’Istituto di credito o dell’Ufficio postale di cui fanno tanta pubblicità e rientro con il canone di locazione.

Adeguo gli impianti, faccio il cappotto per il risparmio energetico, insomma mi metto in "regola" con le nuove normative.

Questo era il mio pensiero…ed invece no…e sa perchè? Perchè non mi è stato concesso il finanziamento, motivo?

Non compilo il 730.

No, non posso compilare un modello dichiarazione dei redditi 730, se non sono dipendente italiano.

Ma il mio reddito è costituito da canoni di locazione importanti e da reddito di lavoro dipendente a tempo indeterminato fuori confine.

Eh non vado bene per il sistema italiano, sicuramente guadagno di più di un dipendente statale o di un dipende a part-time italiano. Ma non va bene per chi deve elargire a tassi da usura un prestito.

Altrimenti, ci vuole un garante purchè sia dipendente italiano.

Mi viene da ridere.

Presento la pratica 21 gg fa, e mi chiedono se può garantire un convivente o consorte. Mi viene da chiedere, ma ti droghi? Se sono separata e nella pratica c’è scritto SEPARATA!

Mi chiedono di depositare TITOLI, rispondo per  che importo ? Quello uguale alla sua richiesta di prestito, …scoppio a ridere davanti al funzionario di banca e domando: ma secondo lei, se avessi i soldi verrei a chiederli a Lei?

La risposta del funzionario è stata che così facendo avrai acquistato soldi per un determinato tasso vendendo i miei ad un determinato tasso per guadagnarci L’1%.

Lo guardo basita e lo saluto, non è la banca che fa per me!

Quindi, non mi restano che due possibilità : o non ristrutturo nulla, non faccio girare l’economia, l’impresa che ho scelto non guadegnerà nulla da me, così come il falegname, l’idraulico, l’elettricista, il parquettista, il piastrellista e via di seguito, o mi rivoglo ad un istituto svizzero.

Ma quasi quasi ….a pensarci bene….., potrei anche utilizzare impresa svizzera…..per l’esportazione diritti doganali ma IVA all’8%, anzichè il 21% o per ristrutturazione il 10%.

Aspetto consigli….grazie dell’attenzione

Loredana Alberti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.